Attualità
Canelli e sud

Via al raduno Bersaglieri con la premiazione delle scuole e la mostra fotografica

Nel corso della mattinata sono state premiate le classi che hanno partecipato al concorso sponsorizzato dal Lions Nizza-Canelli

Stampa Home
Articolo pubblicato il 11/06/2016 alle ore 15:16.
Raduno regionale Bersaglieri Canelli 2016
I lavori delle scuole esposti

CANELLI - Inaugurati questa mattina nel Salone delle Stelle del Comune di Canelli il Museo temporaneo e la Mostra fotografica dei Bersaglieri. Un taglio del nastro ufficiale avvenuto alla presenza del sindaco Marco Gabusi, del Presidente Provinciale Associazione Bersaglieri Mauro Capra e del Generale Carmine Fiore, comandante della Missione IBIS in Somalia (1992/1994) e che apre la due giorni dedicata al corpo cremisi.

Nel corso della mattinata sono state premiate le classi che hanno partecipato al concorso sponsorizzato dal Lions Nizza-Canelli e dedicato alla figura del Bersagliere e del suo impegno nelle missioni di pace e nelle catastrofi naturali. A premiare i ragazzi il Generale Fiore in persona e da Alessandro Guasco Presidente Lions. Il premio è stato assegnato a Gabriele Montaldo, Emanuele Falcarin, Mattia Gardino e Andrea Ciriotti della 3°D della Scuola media C. Gancia per la realizzazione del loro cappello piumato con tappi di sughero.

Secondo premio alla 4°D della Scuola elementare Bosca mentre il terzo posto è andato alla 4° A della Scuola elementare Giuliani. Infine sono stati assegnati alcuni premi speciali agli studenti più meritevoli. Il “premio simpatia”per il disegno del “super bersagliere” è andato a Denis Jovanov e Gianluca Cuciuffo della 1° della Scuola media C. Gancia. Il “premio tematico” è stato assegnato a Pietro Scaglione e Angelo Chillemi della 3°B della Gancia mentre il “premio multimediale” per la realizzazione di un tg dedicato al corpo dei Bersaglieri è andato a Sara Gardino, Lucia Lunati e Eleonora Cotti della 1°D della scuola media.

«Con questo raduno regionale riportiamo a Canelli i Bersaglieri. Molti di coloro che ci raggiungeranno nelle prossime ore furono tra i primi volontari a prestare soccorso alle popolazione colpite dall’alluvione del 1994. Sappiamo che vedranno una città trasformata e rinata» è stato il commento di Mauro Capra.

Prossimi appuntamenti prima della grande parata di domenica (prevista dalle 9,30 con partenza da piazza Unione Europea), il convegno di oggi pomeriggio alle 16 su “Impegno dei Bersaglieri nelle operazioni di pace e nelle catastrofi naturali”. Alle 17,30 consegna bandiera di guerra Massaua al Museo del Risorgimento di Asti. Infine, questa sera suoneranno le fanfare: a Santo Stefano Belbo, nella piazza del comune, alle 21 suonerà la Fanfara di Ceggia (VE). Alla stessa ora, in piazza Cavour a Canelli suonerà invece la Fanfara R.Lavezzeri di Asti.

Nel corso della manifestazione sarà presente anche il vignettista canellese Cesare Amerio che dal vivo riprodurrà su carta le sue creazioni. Inoltre sarà possibile acquistare la copia delle tavole o le magliette con le sue vignette. Protagonisti, ovviamente i fanti piumati.

Lucia Pignari

Tags: Raduno Bersaglieri,bersaglieri

Cronaca

Attualità

Salute e Green

Economia e lavoro

Eventi e Weekend

Sport