Scuola media Jona

"Tutti per uno": intervista alle autrici

Stampa Home
Articolo pubblicato il 16/04/2016 alle ore 11:13.
"Tutti per uno": intervista alle autrici 2
Vittoria Smolei e Elisa Zanaga, dopo l'intervista con le autrici, con le copie del libro firmate

Il 1 aprile 2016 sono state ospiti presso la scuola Jona le scrittici Mariella Martucci e Carolina Capria, autrici del libro per ragazzi “Tutti per Uno”. Abitano a Milano e sono vicine di casa; dieci anni fa hanno provato a far diventare la loro passione, scrivere, un mestiere. E a oggi, nonostante siano giovanissime, hanno già pubblicato undici libri per la Mondadori.

L'ultimo loro libro "Tutti per uno" è una riscrittura del libro "I tre moschettieri" di Dumas; il libro parte infatti da un'idea, la volontà di rendere un classico più avvincente e al passo con i tempi, facendolo diventare moderno e, secondo noi, anche “meno faticoso” rispetto all’originale. No, non vuole dire che il classico di Dumas debba essere abbandonato, anzi al contrario: leggere "Tutti per uno" ha suscitato in noi l'interesse per il libro di Dumas.

Ma ora…cominciamo l'intervista.

Perchè avete scelto di firmare Tutti per Uno con lo pseudonimo di Cècile Deleau?

Tutti per Uno è il nostro primo libro firmato con uno pseudonimo, abbiamo sentito il bisogno di avere un nome che ci unisse e ci rappresentasse entrambe.

Perché nel vostro libro Aramis è una ragazza?

Per i personaggi siamo state abbastanza fedeli al classico di Dumas: D’Artagnan è il protagonista, Athos si comporta un po’ da “fratello maggiore” e Porthos è “quello ingombrante”, sia per la stazza che per il carattere. Però è vero, Aramis nel libro di Dumas è un ragazzo, ma noi abbiamo pensato che ai tempi di Dumas per una donna fosse impensabile entrare a fare parte dell’esercito; oggi invece non è più così. Oggi una donna può certamente arruolarsi nelle forze armate. Per questo abbiamo fatto diventare Aramis una ragazza.

Qual è il vostro personaggio preferito? E quello che vi rappresenta di più?

Mariella: Il mio preferito è D’Artagnan perché ha un modo di pensare molto simile al mio, quello che mi rappresenta di più è Athos, perché si prende sempre cura delle altre persone.

Carolina: La mia preferita è Aramis, in lei mi immedesimo molto.

Quanto ci avete messo a scrivere Tutti per Uno?

Dall’idea alla pubblicazione è passato poco più di un anno.

Per scrivere il libro siete state in Francia?

Non esattamente, ci siamo state entrambe, ma abbiamo usato tantissimo Google Maps e per scrivere la parte dell’attentato all’Eliseo ci siamo molto documentate.

Quando avete letto I tre Moschettieri?

Più o meno in prima superiore, al liceo.

Carolina: A quel tempo mi piacevano i gialli, gli horror e le storie d’amore.

Mariella: Io preferivo i gialli e i thriller.

Qual è il vostro libro preferito?

Carolina: Il mio è Moby Dick.

Mariella: È una domanda difficile, ma quando me lo chiedono alla fine rispondo sempre Orgoglio e pregiudizio.

 

Vittoria Smolei ed Elisa Zanaga (Classe IF)

Cronaca

Attualità

Salute e Green

Economia e lavoro

Eventi e Weekend

Sport