Palio
Asti

Tripletta storica per Musicante di Breme,
baio di quattro anni allenato ad Asti

Stampa Home
Articolo pubblicato il 29/08/2014 alle ore 09:08.
tripletta-storica-per-musicante-di-bremebrbaio-di-quattro-anni-allenato-ad-asti-56e688c2819b72.jpg
Musicante di Breme con Gambarota
Appena fuori Asti, nella scuderia "La Semplicina" proprietà di Marco Amerio e Valter Dessimone, è stato allevato e viene allenato un cavallo balzato prepotentemente alla ribalta negli ultimi quattro mesi in virtù di tutta una serie di straordinari risultati conseguiti. Il purosangue in questione si chiama Musicante di Breme ed è un castrone baio di quattro anni, proprietà della Filotto sas di Michele Martinenghi. Amerio e Dessimone lo seguono quotidianamente da quando aveva 18 mesi. E la bontà del lavoro svolto alla "Semplicina" ha trovato riscontro in maniera eclatante nel periodo da aprile ad oggi. L'apoteosi domenica scorsa all'ippodromo "Caprilli" di Livorno, dove si è materializzata un'impresa unica, mai riuscita ad un altro purosangue in precedenza.

Musicante di Breme, magistralmente montato da un grande Walter Gambarota, ha vinto il Premio Livorno, un handicap principale per cavalli di tre anni ed oltre prevalendo su rivali di assoluto valore e spessore tecnico: Lupogrigio, Peng e Sognando La Cometa. Un risultato notevole, certo, che però da solo non giustificherebbe la popolarità a cui è assurto il purosangue della Filotto se non si evidenziasse un aspetto primario nella carriera del baio. Per lui si è infatti trattato del completamento di una clamorosa tripletta iniziata il 19 luglio a Varese con il trionfo nel "Borghi", proseguita a Merano il giorno di Ferragosto nell'"Alpi" e portata a termine domenica 24 nella città labronica con l'entusiasmante successo nel "Livorno". Tre handicap principali su tre: da brividi. Mai capitato prima.

Scendendo nel dettaglio e analizzando le prestazioni del purosangue dal 25 aprile ad oggi, i riscontri che emergono sono favolosi: otto corse disputate e sei vittorie conquistate. Va sottolineato come l'ultima vittoria centrata al "Caprilli" sia giunta a soli nove giorni di distanza dalla precedente impresa al "Maia" di Merano, a testimonianza delle formidabili doti di recupero del figlio di Mujahid ed Elendil. In pista il "Musicante" ha regalato spettacolo, partendo coperto e sfruttando al meglio quella che è probabilmente la sua miglior peculiarità, ossia la capacità di affrontare a tutta e sempre in equilibrio ogni curva, anche una piegata insidiosa come quella dell'impianto livornese. "Triple Crown" completato! E adesso? In autunno basta handicap, si parlerà di condizionate e listed. Un'escalation continua, sotto forma di gradevolissima... musica.

Massimo Elia

Cronaca

Attualità

Salute e Green

Economia e lavoro

Eventi e Weekend

Sport