Eventi e Weekend
Asti

Terminata la crociera della Nuova Provincia
Gli astigiani tornati a casa

Stampa Home
Articolo pubblicato il 20/10/2015 alle ore 15:00.
terminata-la-crociera-della-nuova-provinciabrgli-astigiani-tornati-a-casa-56e6bc4e94b922.jpg
Foto di gruppo per alcuni crocieristi con lo staff Msc
Dopo dieci giorni di navigazione il gruppo dei croceristi della Nuova Provincia è tornato a casa con l'ultimo trasferimento, quello messo a disposizione dal giornale, da La Spezia ad Asti. Un viaggio dimesso in cui non sono mancati i momenti di progettualità futura e l'eventuale rotta che la nave potrà seguire nel viaggio del 2016.

Il prossimo anno
Tutti entusiasti e tutti pronti a ripartire. Per quale meta? Sembra proprio che al gruppo non interessi la meta, l'importante è andare in crociera. Isole greche? Mar Nero, con tappa in Romania e Russia? Capitali europee raggiunte via mare? La risposta è sempre stata sì in tutti i casi. Il viaggio appena concluso è stato avvincente, sia per il sole che, tolto a Napoli, ci ha sempre accompagnati facendoci respirare un clima tutto estivo con oltre 30 gradi di calore, sia per le condizioni del mare, sempre calmo e quando le onde, in qualche occasione, hanno superato i livelli di guardia, la nave non se ne è accorta. E' molto ben stabilizzata e anche quando il mare è mosso, lei procede tra le onde con tutta tranquillità.

La Nave Divina
Poi la "Divina" della Msc ha fatto anche la sua parte. Una nave splendida sotto tutti i profili, enorme, ben organizzata, con molte attrattive, con una buona animazione e con spettacoli teatrali di grande livello, devo dire i migliori visti fino ad oggi su una nave e noi della Nuova Provincia di crociere ne abbiamo fatte e viste parecchie.

Il cibo
Poi ancora il punto più forte della nave, il suo fiore all'occhiello: il mangiare. La quantità è indescrivibile e la qualità eccellente. Due elementi questi che non sempre si sposano, anzi, quasi mai. La quantità va sempre a scapito della qualità, ma non sulle navi della Msc, dove la qualità del cibo è assicurata da cuochi di grande esperienza, che sanno come cucinare e abbinare i vari alimenti in modo tale da soddisfare il palato e contemporaneamente lo stomaco, visto che sono tutti digeribilissimi. Del resto la nave non può permettersi di intossicare o solo di "congestionare" un carico di circa cinquemila persone. Sarebbe la fine.

Le visite
Le città toccate, tutte stracolme di storia, hanno lasciato il segno nel cuore dei croceristi astigiani. Anche se qualche meta era già stata toccata, c'è sempre qualcosa di nuovo da vedere che la volta precedente non hai visto o su cui non ti sei soffermato abbastanza. Poi Malta, la vera novità di quest'anno con La Spezia e Cannes. Un'isola che ha raggiunto l'indipendenza solo qualche decennio fa e attualmente vive prevalentemente di turismo e di aiuti che arrivano dall'Unione Europea. Un'estate lunga otto mesi consente al flusso turistico di non arrestarsi quasi mai e questo tiene alto il livello dell'economia. Insomma, un'isola felice che vive racchiusa dentro le sue mura testimoni di un'epoca ricca e fiorente. Scendendo dalla nave a La Valletta, di villaggio in villaggio si arriva al capoluogo Mdina che dall'alto domina e controlla tutta l'isola, con i suoi traffici e i suoi commerci. L'aeroporto funziona a pieno ritmo e gli scali dei voli si susseguono a ritmo serrato. Anche di navi ne attraccano parecchie e questo rappresenta un considerevole aiuto all'economia dell'isola.

Animazione
Nel corso dei dieci giorni i croceristi astigiani sono stati coinvolti in animazioni, gare, iniziative varie e, devo dire, hanno sempre ben figurato, anche loro di navi, ormai, hanno una notevole esperienza, sono croceristi di "lungo corso". Sono stati scattati molti selfie che noi pubblicheremo in questa pagina, tra le altre fotografie della crociera. Al selfie più bello e originale, giudicato tale dalla nostra redazione, verrà omaggiato un abbonamento del nostro giornale.

Arrivederci
Ancora un viaggio andato a buon fine, ancora un ricordo da conservare nel cuore, ancora dieci giorni di relax, cultura e divertimento per dimenticare anche solo per qualche breve attimo, la vita di tutti i giorni ed entrare in contatto con culture diverse, ritmi differenti, sovente molto lontani dai nostri. Allora, tutto è bene quel che finisce bene. Non rimane che dare a tutti i viaggiatori astigiani l'arrivederci alla prossima crociera che sarà nuovamente avvincente, interessante e bella almeno quanto quella appena conclusa. Arrivederci a tutti.

Cronaca

Attualità

Salute e Green

Economia e lavoro

Eventi e Weekend

Sport