Cronaca
Asti

Scippata della collanina in zona San Rocco

Stampa Home
Articolo pubblicato il 20/07/2016 alle ore 06:59.
Scippata della collanina in zona San Rocco 3
La zona teatro della rapina (foto Google Maps)

Scippata della catena d’oro, che custodiva anche l’immagine del defunto marito, pochi minuti dopo essere uscita di casa per recarsi al cimitero. L’ennesimo episodio di microcriminalità urbana è avvenuto sabato mattina nel quartiere San Rocco. Erano le 10.45.

«Ero appena uscita per andare al cimitero e un ragazzo, con il motorino, è arrivato alla mie spalle e mi ha strappato la catenina – ricorda la vittima, una pensionata che abita in zona – Ho avuto solo il tempo di vedere che era tutto vestito di nero, poi è scappato via. Da quello che si sente nel quartiere, sono la quarta persona scippata nel giro di pochi mesi e questo dimostra che la zona non è affatto sicura».

La signora, che ha raccontato il caso al nostro giornale, ha chiamato la polizia e nei prossimi giorni formalizzerà la denunciata contro ignoti. «Resta il fatto che abbiamo paura a uscire di casa – aggiunge – In zona ci sono anche degli spacciatori che fanno i loro traffici e, se qualcuno osa guardarli, lo guardano malissimo e gli dicono di farsi gli affari suoi. E’ una situazione che non può più andare avanti così».

Tags: rapina,san rocco,criminalita`

Cronaca

  • Slot spente vicino a scuole e chiese

    22-11-2017
    Stando alla norma, non potranno essere operative le macchinette che rientrano in un raggio di 500 metri da un luogo “sensibile” (come scuole,...
  • Dopo 75 anni scopre il nome della madre

    22-11-2017
    Come per questa ricerca, partita solo qualche anno fa grazie all'entusiasmo e alla determinazione di Cristina, in cui ha fatto capolino una foto di classe,...

Attualità

Salute e Green

Economia e lavoro

Eventi e Weekend

Sport

  • Addio a "Ughetto" Perosino

    21-11-2017
    Personaggio amato da tutti in città, sportivi e non, era un ex dipendente comunale, negli anni aveva svolto il ruolo di bagnino 
  • Crollo Nazionale i mali e la cura

    15-11-2017
    Ora che la batosta è arrivata chissà se avremo il coraggio di voltare pagina, lavorare su un'identità precisa rinunciando alle cariatidi...