Cronaca
Asti

Schianto a Valleandona, la protesta dei residenti

Nei giorni scorsi un ragazzo a bordo di una Renault Clio si è schiantato a fortissima velocità mentre percorreva la strada dalla frazione alla statale

Stampa Home
Articolo pubblicato il 10/05/2016 alle ore 09:35.
(immagine di repertorio)
(immagine di repertorio)

Qualcuno ha parlato di una brava ta da ragazzi, ma da Valleandona, invece, alcuni residenti si sono preoccupati e lamentati perchè hanno intravvisto il grave pericolo corso da chiunque di loro si fosse trovato a transitare in quel momento in quel tratto. Stiamo parlando proprio della strada che dalla ex statale per Torino, svoltando a destra, porta nella frazione alle porte della città, passando sotto il ponte dell’autostrada.

Nei giorni scorsi un ragazzo a bordo di una Renault Clio si è schiantato a fortissima velocità mentre percorreva la strada dalla frazione alla statale. In una curva, proprio a causa della velocità, ha perso il controllo della vettura, si è capottato più volte nel campo sottostante ed è attualmente ricoverato all’ospedale di Asti in prognosi riservata. Si tratta di un ragazzo giovane, che vive nella zona e che non è passato inosservato visto che alcuni residenti hanno descritto il suo transito come una “prova da rally”. Peccato che l’abbia fatto su una strada che non solo è molto stretta e segnata da curve e incroci a raso verso le stradine secondarie verso la campagna o verso case più isolate, ma è anche un tratto che spesso è affollata da residenti che la scelgono per una passeggiata a piedi, per insegnare ai bambini ad andare in bicicletta oppure anche da chi ha la passione per il cavallo.

Fra i primi ad arrivare sul luogo dell’incidente, vi è stata una mamma con una bambina piccola che ha praticamente assistito all’incidente quasi in prima fila. Ha prestato soccorso al ragazzo nonostante lei stessa fosse particolarmente sotto choc per la gravità dello schianto e la paura per essersi resa conto che sarebbe bastato essere più avanti di qualche istante per rimanere coinvolta nel grave incidente insieme alla piccola.

d.p.

Cronaca

  • Slot spente vicino a scuole e chiese

    22-11-2017
    Stando alla norma, non potranno essere operative le macchinette che rientrano in un raggio di 500 metri da un luogo “sensibile” (come scuole,...
  • Dopo 75 anni scopre il nome della madre

    22-11-2017
    Come per questa ricerca, partita solo qualche anno fa grazie all'entusiasmo e alla determinazione di Cristina, in cui ha fatto capolino una foto di classe,...

Attualità

Salute e Green

Economia e lavoro

Eventi e Weekend

Sport

  • Addio a "Ughetto" Perosino

    21-11-2017
    Personaggio amato da tutti in città, sportivi e non, era un ex dipendente comunale, negli anni aveva svolto il ruolo di bagnino 
  • Crollo Nazionale i mali e la cura

    15-11-2017
    Ora che la batosta è arrivata chissà se avremo il coraggio di voltare pagina, lavorare su un'identità precisa rinunciando alle cariatidi...