Palio
Asti

San Pietro, nuova sede al circolo Way Assauto

Stampa Home
Articolo pubblicato il 10/03/2015 alle ore 09:19.
san-pietro-nuova-sede-al-circolo-way-assauto-56e69ac1b24c42.jpg
L’ingresso della vecchia sede rossoverde, adiacente alla parrocchia
L’interminabile “telenovela” legata alla sede del Comitato Palio del Borgo San Pietro sta per vivere un passaggio rilevante. Probabilmente non decisivo, ma comunque di grande importanza. A sintetizzare gli ultimi sviluppi della vicenda è il Rettore rossoverde Alessandro Sabatini, eletto sul finire del 2014 in sostituzione di Loredana Beltrame. «I tentativi compiuti dal precedente Direttivo di trovare nuovi locali - afferma Sabatini - dovendo forzatamente liberare la vecchia e storica sede adiacente alla parrocchia, non avevano avuto esito. Si era ipotizzato un trasloco in strada Fortino, ma alla fine non se ne era fatto nulla poichè la nuova eventuale sistemazione non era stata ritenuta idonea. Così come era svanita la possibilità di spostarci nei locali della Fer.Com. Al riguardo anche il sindaco, da noi più volte sensibilizzato riguardo alla problematica, si era attivato, promettendoci il suo interessamento.»

Successivi sviluppi?
«A novembre-dicembre, quando ormai i tempi si facevano stretti perchè dal parroco era arrivato un nuovo sollecito di liberare i locali della vecchia sede, si è materializzata una nuova opportunità che abbiamo ovviamente preso in considerazione. Si tratta di uno scantinato all’interno del circolo Way Assauto, uno spazio ampio che proprio in questi giorni viene rimesso a nuovo. A breve andremo lì a ricoverare gran parte del nostro materiale. I lavori di risistemazione dovrebbero terminare il 23 marzo e in una settimana il trasloco dovrà essere ultimato, poiché dalla parrocchia è giunta la scadenza inderogabile del 1° aprile per liberare la vecchia sede».
Una soluzione quella della Way Assauto che soddisfa appieno le vostre esigenze?
«Beh, considerate le esigenze di un Comitato, le attività da esso svolte e gli orari spesso non programmabili dello stesso, quella del circolo di via Pietro Chiesa, che non finiremo mai di ringraziare per l’opportunità offertaci, è però da intendersi molto probabilmente come una soluzione temporanea. Stiamo continuando a guardarci intorno, poichè è indispensabile per poter svolgere al meglio tutte le nostre attività disporre di un’area più ampia e di una collocazione logistica diversa.»

E il Sindaco come ha accolto la vostra decisione di trasferirvi alla Waya?
«Per lui la nostra non è da intendersi come una soluzione temporanea, ma definitiva. Brignolo lo ha detto chiaramente: “Sono certo che la Way Assauto diventerà la vostra nuova sede”.»
Dovrete sottostare ad incombenze ed obblighi legati ad orari e a regolamenti del circolo?
«Ovviamente si, e per certi versi tutto ciò costituirà un limite. Ma ben vengano le norme da osservare. Eravamo agli sgoccioli, i tempo stava scadendo e nella vecchia sede non potevamo più stare. Il nostro materiale da qualche andava ricoverato....»
Considerazione finale: diventa sempre più difficile fare Palio.  Ogni Comitato avrebbe diritto di avere una propria casa all’interno dei propri confini territoriali. Mera utopia.

Massimo Elia

Cronaca

Attualità

Salute e Green

Economia e lavoro

Eventi e Weekend

Sport