Eventi e Weekend
Canelli e sud
tutti i comuni

Saltata l’anteprima,
Canelli attende l’Assedio

Stampa Home
Articolo pubblicato il 18/06/2015 alle ore 07:00.
saltata-lanteprimabrcanelli-attende-lassedio-56e6a0ec6468a2.jpg
Il colonnello Taffini d'Acceglio durante il suo ingresso in città
Meteo inclemente al pre-Assedio 2015. La serata di domenica è stata infatti martoriata da un forte acquazzone che ha impedito lo svolgimento in piazza Cavour del concerto del Coro Lirico «Claudio Monteverdi» diretto dal Maestro Giuseppe Tardito che avrebbe dovuto intonare i Carmina Burana, i suggestivi canti composti da Carl Orff negli anni Trenta. Nella Sala delle Stelle di Palazzo Anfossi si è tenuto soltanto la consegna del premio del Bando della Ferrazza e il Blavio degli Ostieri. Il primo è stato assegnato ai migliori gruppi storici dell'edizione passata mentre il secondo è andato alle migliori Hosterie con i piatti e menù rigorosamente seicenteschi.

Mentre Canelli aspetta il suo Assedio. Rievocazione storica che fa i conti con le rasoiate ai finanziamenti, riduzioni di budget e risparmi diffusi. Il gruppo storico dell'Assedio 1613 è la colonna su cui poggia l'organizzazione. Assedio 2015, edizione numero ventiquattro, con significative novità. Rievocazione storica che si fa più teatrale, senza dimenticare i fatti d'arme che sono il filo conduttore della manifestazione. Due giorni a ferro e fuoco che, tra spadaccini e colpi di colubrina, vedranno in scena nuovi affreschi seicenteschi. Weekend che si affiderà ancora a Beppe Dus, nelle vesti del Duca Carlo Emanuele I. Si parte, il sabato, con l'arrivo delle truppe nemiche e subito una novità: il consiglio di guerra in piazza San Leonardo mentre, sul far della sera, le scaramucce tra Savoia e Mantovani sprecano. Arriva ora di cena nelle osterie e taverne del borgo: si mangia alla Osteria di Villanuova che si apre su Piazzale San Leonardo nel borgo di Villanuova (prenotazioni al 349 3123528, 346 6017945), la Osteria dell'Asina d'Oro in via Giuliani 29 (info 348–0427529, 340–2773568, 348–5152353) e la Osteria Torre Rossa, che si trova in via Dante (chiamare 339–7808660).

Le Taverne, senza posto a sedere, sono del Munastè ed Castu, su Piazzale San Leonardo, Taverna San Giuseppe in via Villanuova, Taverna dell'Aquila su via Garibaldi, Taverna Dei Lioni in piazza Gioberti, Taverna dell'Annunziata su piazza Aosta. E, ancora, Taverna del Mazzacrino e la Taverna del Brusa Coeur entrambe su piazza Aosta, la Taverna Corona Grossa in via.Giuliani e la Taverna del Cece d'Oro su piazza Cavour. La serata non sarà più animata dalla battaglia, bensì (altra novità) dalla processione dei penitenti e dallo spettacolo del sabba e del fuoco. La domenica parte, alle 10, con i tentativi di accordo tra il Duca di Never e il colonnello Taffini D'Acceglio. Non se ne fa nulla e scoppia la battaglia. Che, terza importante novità, si combatterà nuovamente in piazza Cavour, fuori dalle mura.

Giovanni Vassallo

Cronaca

Attualità

Salute e Green

Economia e lavoro

Eventi e Weekend

Sport