Cultura e Spettacoli
Asti

Quartetto d’archi per Beethoven
Poi 18 canzoni dai più grandi musical

Stampa Home
Articolo pubblicato il 25/02/2016 alle ore 07:00.
quartetto-darchi-per-beethovenbrpoi-18-canzoni-dai-piu-grandi-musical-56e6c472e75762.jpg
Noemi Garbo
Doppio appuntamento, questa settimana all'Archivio di Stato di Asti (via Govone 9), con la rassegna concertistica "Un giardino per l'armonia", promossa dal Circolo filarmonico astigiano sotto la direzione artistica di Lia Lizzi Balsamo.

Si comincia giovedì (ore 21.15) con il Quartetto Ainola composto dai violinisti francesi Mathieu Garguillo e Benjamin Borhani, dal violista e musicoterapeuta astigiano Emiliano Travasino e dalla violoncellista tedesca Emily Wittbrodt. L'ensemble prende il nome dalla residenza finlandese di Jean Sibelius, dove i suoi componenti, allievi della prestigiosa Sibelius Academy di Helsinki, si sono incontrati per la prima volta nel 2015. Il loro è un lavoro di ricerca e approfondimento metodico di tutti gli elementi chiave di sviluppo musicale e umano sui quali si basa l'esecuzione del repertorio per quartetto d'archi, dal periodo barocco al contemporaneo. Giovedì proporranno brani di Beethoven e Mendelssohn.

Sabato (ore 21.15), invece, sarà ospite all'Archivio il duo della cantante Noemi Garbo e del pianista Paolo Volante. In scena lo spettacolo "MusicAll", una carrellata di 18 canzoni tratte dai musical moderni più famosi, da "Grease" a "Chicago", da "Jesus Christ Superstar" a "Evita", collegati da un brillante testo a cura di Amalia Farina, giovane scrittrice torinese. Per entrambi gli appuntamenti ingressi 8 e 10 euro, info ai numeri 0141/538057 e 346/5761400 o sul sito www.filarmonicoastigiano.it

Luca Garrone

Cronaca

Attualità

Salute e Green

Economia e lavoro

Eventi e Weekend

Sport