Social Paper
Asti

Quando il volontariato diventa
aiuto concreto per le persone deboli

Stampa Home
Articolo pubblicato il 01/04/2015 alle ore 15:00.
quando-il-volontariato-diventabraiuto-concreto-per-le-persone-deboli-56e69c4b864772.jpg
Volontari della Croce Verde
Da sempre molti astigiani dedicano parte del proprio tempo libero al volontariato. Associazioni e cooperative accolgono le numerose proposte di adesione da parte dei cittadini ed è sorprendente come così molte persone cerchino di fare del loro meglio per aiutare gli altri, come provino a rendere più facile la vita dei meno fortunati. Non sono solo adulti, ma anche studenti dei vari istituti superiori e ciò ci fa capire come la gioventù di oggi sia sempre più legata e dedita al sociale. In un periodo di assuefazione al male è confortante che si pensi ancora al bene altrui, prima del proprio. E ancora più confortante è l’impegno e la dedizione che i volontari impiegano in queste attività. Ci sono molte associazioni di volontariato che operano sul suolo astigiano.

C’è chi si impegna nel portare aiuto medico operando con la Croce Rossa oppure chi si offre di portare assistenza facendo volontariato con la Croce Verde. Altri invece preferiscono aiutare gli altri lavorando con Anffas (Associazione Nazionale Famiglie di persone con disabilità intellettiva e/o relazionale) oppure con la cooperativa il Faro che si occupa di portare assistenza alle persone anziane, ai disabili e a coloro che soffrono di disturbi di altro genere. Più in generale, i volontari portano ogni sorta di aiuto: non solo a livello medico e sociale, ma anche per migliorare lo stile di vita di coloro che non possono provvedere in prima persona a se stessi. Fondamentale è l’aiuto portato agli anziani che spesso si ritrovano senza la possibilità di svolgere quelle azioni quotidiane necessarie a garantirsi un’esistenza dignitosa, oppure ai disabili che sono nella stessa condizione degli anziani.

Spesso queste persone sono lasciate a se stesse ed è proprio per risolvere il disagio che può crearsi che intervengono i volontari, pronti a fare ciò che anziani e disabili non sono in grado di fare. I volontari astigiani, così entusiasti del proprio lavoro, sono sempre disponibili a rilasciare qualche impressione sulle proprie attività. Parlando con loro capiamo che operare in simili ambiti aiuta anche a prepararsi per eventuali carriere nel sociale e che quindi fare volontariato non serve solo ad aiutare gli altri, ma anche a prepararsi per il proprio futuro. Scopriamo inoltre che aiutare gli altri è anche un po’ aiutare noi stessi. I volontari, infatti, riferiscono che aiutare i meno fortunati non è un peso o una costrizione, ma un’attività piacevole da svolgere nella più totale tranquillità. Fare volontariato è un’attività capace di portare aiuto non solo agli altri, ma anche a noi.

Denis Busuioc

Cronaca

Attualità

Salute e Green

Economia e lavoro

Eventi e Weekend

Sport