Salute e Green
Canelli e sud

Primo soccorso: a Forminlife il "manichino" hi-tech

Stampa Home
Articolo pubblicato il 17/11/2017 alle ore 16:00.
Primo soccorso: a Forminlife il "manichino" hi-tech 2
Primo soccorso: a Forminlife il "manichino" hi-tech

In un momento storico ed economico in cui siamo abituati a leggere solo cattive notizie o dove i casi di aziende etiche si contano sulla punta delle dita di una mano, l'esempio di buona imprenditoria che arriva da poco oltre i confini provinciali non può che scaldare il cuore. Stiamo parlando dell'azienda “Tosa Spa” di Santo Stefano Belbo (CN) che ha recentemente donato all'associazione “Forminlife” di Asti un manichino ad alta tecnologia per la formazione sul primo soccorso. A segnalarcelo è stato Marco Pappalardo, infermiere specializzato in emergenza e volontario di Forminlife, il quale ormai da tre anni organizza in collaborazione con un team di 7 medici e infermieri serate gratuite rivolte alla popolazione per insegnare le tecniche salva-vita in caso di disostruzione pediatrica e adulta.

Nelle prossime lezioni, a disposizione dei suoi allievi, per lo più genitori, insegnanti, operatori della prima infanzia ma anche semplici curiosi, ci sarà questo nuovo manichino “hi-tec”il quale consentirà di allenare una serie di operazioni per il primo soccorso (come massaggio cardiaco esterno, intubazione oro-tracheale, ventilazione con pallone di “ambu”, posizionamento del sondino naso-gastrico, posizionamento della cannula di Guedel, valutazione oculare, prelievi e accessi venosi periferici) con un riscontro in tempo reale sulla qualità degli interventi. Il manichino, al suo interno, contiene dei cip e dei rilevatori connessi via wireless ad un computer.

«Questo è un manichino usato esclusivamente per la formazione del personale sanitario e anzi, non tutte le Asl ne dispongono di uno figuriamoci le associazioni – spiega Marco Pappalardo, ancora incredulo per il dono ricevuto – Come associazione abbiamo conosciuto la famiglia Tosa nell'ambito delle nostre serate di formazione per la disostruzione pediatrica. Crediamo che la formazione debba essere di qualità, precisa ed efficace soprattutto per coloro che non sono nel nostro campo. Quando abbiamo chiesto un contributo per l'acquisto del manichino di certo non ci aspettavamo di vedercelo recapitare direttamente». A prendersi a cuore l'iniziativa è stata una delle titolari dell'azienda, Serena Tosa, mamma di tre bambini.

«Credo nel valore della formazione che questa associazione compie a favore dei “comuni mortali”. Di chi non salva vite per lavoro ma può trovarsi nella posizione di fare la differenza con una manovra di disostruzione, un massaggio cardiaco o semplicemente chiamando i sanitari competenti» spiega Serena Tosa, la quale con eleganza sorvola sul costo di questo prezioso oggetto. Ci pensiamo noi a rivelare che il valore di un manichino di questa tipologia supera i 2.800 euro. Un gesto quindi di grande generosità che si somma a quello dei volontari di Forminlife i quali, nella loro attività di volontariato, hanno formato sul primo soccorso di base ben 4 mila cittadini e 700 tra ragazzi e bambini delle scuole.

Lucia Pignari

Tags: FormInLife,Santo Stefano Belbo,primo soccorso

Cronaca

Attualità

Salute e Green

Economia e lavoro

Eventi e Weekend

Sport