Cronaca
Asti

Povera “Bula” un ecogioiello fra rifiuti e vandali

Stampa Home
Articolo pubblicato il 02/03/2017 alle ore 08:41.
Povera “Bula” un ecogioiello fra rifiuti e vandali 3
Povera “Bula” un ecogioiello fra rifiuti e vandali

Recinzione sfondata e tagliata in più punti, una stalla abusiva con tetto in onduline di amianto deteriorate, rifiuti buttati vicino alle sponde degli stagni, pescatori che si introducono abusivamente e, oltre a pescare in area protetta, introducono anche specie non autoctone che provocano danni importanti alla biodiversità del luogo.

E ancora, discariche abusive di macerie da demolizioni, abbandoni all’aperto di bidoni contenenti liquido chimico di non meglio precisata provenienza e composizione, per finire con un cimitero di roulotte e furgoni mangiati dal fuoco dell’incendio di oltre due mesi fa vicino all’argine del Tanaro.

Un taccuino di lagnanze che riguarda una delle zone naturalistiche più importanti del nostro territorio, la “zona umida” della Bula, a ridosso del Tanaro nella parte fra corso Savona e Variglie, Oasi del Wwf astigiano. Un sistema di stagni distribuiti su una ventina di ettari, che riproducono la flora e la fauna delle zone umide e che conta una concentrazione eccezionale di animali (soprattutto uccelli acquatici) facilmente avvistabili ad occhio nudo.

Una “tappa” prediletta per centinaia di esemplari in migrazione che, soprattutto nel mese di marzo, diventa così affollata da offrire uno spettacolo unico a bambini, famiglie, appassionati della natura.

Ebbene, questo gioiellino naturalistico, è inserito in una zona che è tutto fuorchè accogliente.

Continua la lettura sul giornale in edicola, o acquista la tua copia digitale

Daniela Peira

Tags: Oasi WWF,asti,ambiente,discariche abusive

Cronaca

Attualità

Salute e Green

Economia e lavoro

Eventi e Weekend

Sport

  • Addio a "Ughetto" Perosino

    21-11-2017
    Personaggio amato da tutti in città, sportivi e non, era un ex dipendente comunale, negli anni aveva svolto il ruolo di bagnino 
  • Crollo Nazionale i mali e la cura

    15-11-2017
    Ora che la batosta è arrivata chissà se avremo il coraggio di voltare pagina, lavorare su un'identità precisa rinunciando alle cariatidi...