Attualità
Canelli e sud

Piazza Aosta a Canelli diventerà il “salotto” più bello

Secondo l’amministrazione comunale l'intervento sarà corposo ed è destinato a riqualificare l'area e a sostituire le reti fognarie e dell’acquedotto

Stampa Home
Articolo pubblicato il 13/04/2016 alle ore 15:50.
Il cantiere in via Roma
Il cantiere in via Roma

Mentre sono in dirittura d’arrivo gli interventi sotto i portici del palazzo Eliseo e in corso Libertà, sono partiti in settimana i lavori di restyling di via Roma. Opere inserite nel Pqu, acronimo del Piano di qualificazione urbana destinato a rinnovare il look del centro cittadino. Intervento, quello sull’arteria che unisce piazza Cavour a via Asti costeggiando il municipio, inserito nel piano di opere grazie ai ribassi sull’appalto reinvestiti in opere pubbliche. Una novità per Canelli anche se, come spiega il sindaco Marco Gabusi, «è una tendenza verso la quale vanno tutte le amministrazioni proprio per utilizzare tutti i finanziamenti disponibili». In via Roma sono previsti il riallineamento dei parcheggi in senso verticale, l’allargamento dei marciapiedi e la piantumazione di trenta magnolie. 

Ma l’attesa è per piazza Aosta che, da lunedì, è cantierata. Intervento corposo che, nelle intenzioni dell’amministrazione comunale, è destinato non solo a riqualificare l’area ma ad abbellire quello che il primo cittadino definisce lo «spazio più bello di Canelli». Per piazza Aosta il Pqu prevede più soluzioni, intersecate una all’altra. Il lato sinistro della piazza, guardando la collina di Villanuova, sarà off limits alle auto, con una pavimentazione in pietra di Luserna. Fioriere artistiche con sedute intonate e due dissuasori che inibiranno l’accesso a via Alfieri completeranno il nuovo look. Eliminati i quattro parcheggi attuali. Nella parte destra del caratteristico slargo (lato banca Intesa San Paolo) i posti-auto rimarranno ancora a ridosso del marciapiede che verrà allargato di 60 centimetri rispetto a quello esistente. In questo tratto le auto potranno circolare secondo il senso di marcia inaugurato un anno fa, fatti salvi i giorni di chiusura in virtù della pedonalizzazione.

Prima delle opere esterne, però, è prevista la sostituzione delle reti fognarie e dell’acquedotto. In questo tratto, infatti, le condutture sono obsolete (risalgono agli Anni ’70) con vistosi ed evidenti cedimenti che hanno causato avvallamenti anche al selciato. «Grazie alla collaborazione con Acque Potabili verranno sostituite e rifatti queste importanti infrastrutture, così che la piazza sia maggiormente fruibile a tutti» rassicura Gabusi. Tempi una sessantina di giorni.

Giovanni Vassallo

Cronaca

Attualità

Salute e Green

Economia e lavoro

Eventi e Weekend

Sport