Cronaca
Canelli e sud

Patteggia per le minacce un mese prima del delitto

Stampa Home
Articolo pubblicato il 03/03/2017 alle ore 08:36.
Patteggia per le minacce un mese prima del delitto 3
Luigi Caramello e Barbara Natale

Otto mesi di reclusione in più sembrano poca cosa rispetto a quei trenta cui è stato condannato per l’omicidio della moglie, eppure la giustizia non poteva lasciare in sospeso un processo che era partito prima di quello ben più grave. Sotto accusa è finito Luigi Caramello, l’operaio di 48 anni condannato a fine novembre scorso per aver ucciso la moglie, Barbara Natale, accoltellandola alle spalle a Canelli, di mattina, approfittando dell’uscita della donna per portare a spasso il cane.

Paradossalmente, il fatto per il quale ha patteggiato ieri otto mesi, tramite il suo difensore avvocato Ponzio, era un drammatico presagio di quanto sarebbe capitato da lì ad un mese.

Le accuse erano infatti di violenza privata e minacce nei confronti proprio della moglie.

Continua la lettura sul giornale in edicola, o acquista la tua copia digitale

Daniela Peira

Tags: tribunale,canelli,barbara natale,omicidio barbara natale,luigi caramello

Cronaca

Attualità

Salute e Green

Economia e lavoro

Eventi e Weekend

Sport