Attualità
Asti

Otto profughi diventano volontari spazzini

Gli operatori sono identificabili dalla divisa arancione, hanno tra 21 e 25 anni, provengono da Bangladesh, Gambia e Nigeria ed esibiscono un cartellino con la scritta “Volontario per Asti pulita”

Stampa Home
Articolo pubblicato il 31/05/2016 alle ore 07:00.
Ad Asti otto profughi diventano spazzini volontari
Ad Asti otto profughi diventano spazzini volontari

Hanno seguito un corso di formazione e avuto il loro “battesimo di fuoco” in concomitanza dell’Adunata degli Alpini. Ora sono pienamente operativi gli otto rifiugiati che l’Asp impiegherà per un anno come operatori ecologici volontari.
Dopo aver ripulito piazza del Palio, sede della Cittadella, sono stati impiegati nelle zone periferiche, come l'area industriale di corso Alessandria. Venerdì cinque di loro hanno ripulito il parco della Resistenza, gli storici giardini pubblici davanti all'ex ospedale e in settimana andranno al Bosco dei partigiani.


«L'impiego degli otto richiedenti asilo - spiega Giovanna Beccuti, presidente dell'Asp - durerà un anno e dalla periferia si estenderà progressivamente al centro, in modo da migliorare ulteriormente il decoro urbano cittadino.
Anche gli astigiani dimostrano di apprezzare l'attività dei rifugiati che viene prestata, in forma volontaria e non retribuita come lavoro socialmente utile per la collettività, in cambio dell'accoglienza ricevuta».
L'utilizzo dei migranti è regolato da un accordo tra Asp e Associazione Auser Volontariato Ala Asti. Gli operatori sono identificabili dalla divisa arancione, hanno tra 21 e 25 anni, provengono da Bangladesh, Gambia e Nigeria ed esibiscono un cartellino con la scritta “Volontario per Asti pulita”.

2 giugno: le variazioni alla raccolta rifiuti


Intanto, in occasione del 2 giugno, l’Asp informa che in centro il ritiro dell’organico sarà posticipato a venerdì 3.
Altre modifiche riguardano la zona 1 (corso Alba, Villaggio San Fedele, corso Savona fino al ponte Tanaro, corso Venezia, via Torchio, Recinto San Quirico) con raccolta di organico, carta, plastica e lattine che sarà posticipata a venerdì 3.

Zona 4 (corso Dante, a partire dai numeri 74 e 83 verso l’ospedale e vie limitrofe, area di via Conte Verde, confine corso XXV Aprile escluso, via Gandolfino Roreto e limitrofe, confine strada Fortino esclusa, zone stadio e ospedale) dove la raccolta di indifferenziato, organico e verde sarà anticipata a mercoledì 1.

Zona frazionale 4 (Casabianca, Valleandona, Montegrosso, Revignano esclusi numeri zona 5, Valle Benedetta, Cappuccini, via Santhià, via Sacchetti, strada Casaleggio, strada Burroni, strada Artuffo, via Antonicelli, via Carretto, via Cavanenghi, strada Macagno, strada Giribaldi, strada Freilina, strada Porta, strada Peschiera, strada Divisione Partigiana Garibaldi, corso Torino numeri pari dal 376, dispari dal 427, strada Ragazzi del ’99, strada Toasso, strada Draga, recinto S.Spirito n. 36, 46, 48, strada Cavalli, Vaglierano dal n. 2 al n. 140 esclusi numeri zona 5, Vaglierano Basso dal n. 7 al n. 169) dove la raccolta di organico e indifferenziato sarà posticipata a venerdì 3.

Tags: Asp,asti,profughi,rifugiati,ambiente

Cronaca

Attualità

Salute e Green

Economia e lavoro

Eventi e Weekend

Sport