Cronaca
Asti

Nigeriano nascondeva marijuana in una borraccia

Stampa Home
Articolo pubblicato il 02/11/2017 alle ore 17:30.
Nigeriano nascondeva marijuana in una borraccia 3
Nigeriano nascondeva marijuana in una borraccia: arrestato (foto di repertorio)

I carabinieri del Nucleo operativo della Compagnia di Asti, coadiuvati dai colleghi di Moncalvo e Castello di Annone, hanno arrestato in flagranza un nigeriano di 21 anni, già conosciuto agli inquirenti, per detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente del tipo marijuana. Lo stavano pedinando e osservando già da qualche tempo, finché il giovane, residente nella zona di corso Casale, è stato fermato ed accompagnato presso la sua abitazione.

Lì è stata effettuata una perquisizione, nella quale sarebbero stati trovati, all’interno di una borraccia da bicicletta, sostanza stupefacente di tipo marijuana del peso di circa un etto; nel vano gas del cucinotto, una busta in nylon contenente quasi 300 grammi della stessa sostanza; e, dentro un borsello trovato in bagno, banconote di piccolo taglio per poco più di mille euro.

Il ragazzo è stato arrestato e accompagnato presso la Casa circondariale di Asti, a disposizione dell’autorità giudiziaria.

m.m.t.

Tags: carabinieri,marijuana,arresto

Cronaca

  • Slot spente vicino a scuole e chiese

    22-11-2017
    Stando alla norma, non potranno essere operative le macchinette che rientrano in un raggio di 500 metri da un luogo “sensibile” (come scuole,...
  • Dopo 75 anni scopre il nome della madre

    22-11-2017
    Come per questa ricerca, partita solo qualche anno fa grazie all'entusiasmo e alla determinazione di Cristina, in cui ha fatto capolino una foto di classe,...

Attualità

Salute e Green

Economia e lavoro

Eventi e Weekend

Sport

  • Addio a "Ughetto" Perosino

    21-11-2017
    Personaggio amato da tutti in città, sportivi e non, era un ex dipendente comunale, negli anni aveva svolto il ruolo di bagnino 
  • Crollo Nazionale i mali e la cura

    15-11-2017
    Ora che la batosta è arrivata chissà se avremo il coraggio di voltare pagina, lavorare su un'identità precisa rinunciando alle cariatidi...