Cronaca
Asti

Marito e moglie investiti: l'auto fugge

Stampa Home
Articolo pubblicato il 02/12/2016 alle ore 09:20.
Marito e moglie investiti: l'auto fugge 3
Marito e moglie investiti: l'auto fugge

Stiamo vivendo settimane di gravi incidenti stradali, in cui si devono purtroppo registrare quattro vittime nel giro di meno venti giorni, in quattro diversi episodi. Ma stiamo anche vivendo settimane in cui si ripetono i casi di incidenti stradali in cui guidatori fuggono senza prestare soccorso e senza assumersi le proprie responsabilità.

Nella serata di martedì, intorno alle 20, in via Conte Verde, nei pressi della rotatoria che porta in corso XXV Aprile, due pedoni sono stati investiti da un’auto, subito fuggita. Si tratta di una Fiat Grande Punto. Ad essere investiti marito e moglie, di 76 e 71 anni. La coppia è stata trasportata in ospedale: feriti, l’uomo e la donna, a quanto si è saputo, non dovrebbero essere in gravi condizioni. Sull’accaduto sono in corso le indagini da parte degli agenti della polizia municipale, che stanno vagliando ogni possibile elemento per individuare l’auto pirata.

Continua la lettura sul giornale in edicola, o acquista la tua copia digitale

Marta Martiner Testa

Tags: investimento di pedone,cronaca,asti

Cronaca

  • Slot spente vicino a scuole e chiese

    22-11-2017
    Stando alla norma, non potranno essere operative le macchinette che rientrano in un raggio di 500 metri da un luogo “sensibile” (come scuole,...
  • Dopo 75 anni scopre il nome della madre

    22-11-2017
    Come per questa ricerca, partita solo qualche anno fa grazie all'entusiasmo e alla determinazione di Cristina, in cui ha fatto capolino una foto di classe,...

Attualità

Salute e Green

Economia e lavoro

Eventi e Weekend

Sport

  • Addio a "Ughetto" Perosino

    21-11-2017
    Personaggio amato da tutti in città, sportivi e non, era un ex dipendente comunale, negli anni aveva svolto il ruolo di bagnino 
  • Crollo Nazionale i mali e la cura

    15-11-2017
    Ora che la batosta è arrivata chissà se avremo il coraggio di voltare pagina, lavorare su un'identità precisa rinunciando alle cariatidi...