Attualità
Asti

L’ossario cade a pezzi: area chiusa ai visitatori

Stampa Home
Articolo pubblicato il 03/11/2017 alle ore 08:52.
L’ossario cade a pezzi: area chiusa ai visitatori 3
L’ossario cade a pezzi: area chiusa ai visitatori

Il Comune dovrà spendere almeno 25.000 euro per mettere in sicurezza e ristrutturare l’ossario del cimitero urbano interessato da un deperimento strutturale molto serio, dovuto, si pensa, a infiltrazioni d’acqua, ma anche a una tecnica di costruzione non del tutto ottimale.

La zona è quella del triangolo sinistro del cimitero, molto antica, la cui costruzione risale all’inizio del ‘900. Qui si trova l’ossario, con cellette anche abbandonate, e lapidi che mostrano nel modo peggiore la loro vetustà.

Nel corso del tempo, ma soprattutto di recente, il cemento ha cominciato a staccarsi dalla parete permettendo all’acqua di farsi strada e creare le condizioni per un veloce deterioramento della facciata. I mattoni usati allora, forati, avrebbero agevolato lo sfaldamento della struttura fino all’attuale situazione che ha portato a transennare la zona per garantire l’incolumità dei visitatori. Alcune segnalazioni del degrado sono giunte in redazione nei giorni precedenti la commemorazione dei defunti, ma anche l’amministrazione si è messa al lavoro per capire l’entità dei danni.

Continua la lettura sul giornale in edicola, o acquista la tua copia digitale

Riccardo Santagati

Tags: cimitero di asti,ossario,asti

Cronaca

  • Slot spente vicino a scuole e chiese

    22-11-2017
    Stando alla norma, non potranno essere operative le macchinette che rientrano in un raggio di 500 metri da un luogo “sensibile” (come scuole,...
  • Dopo 75 anni scopre il nome della madre

    22-11-2017
    Come per questa ricerca, partita solo qualche anno fa grazie all'entusiasmo e alla determinazione di Cristina, in cui ha fatto capolino una foto di classe,...

Attualità

Salute e Green

Economia e lavoro

Eventi e Weekend

Sport

  • Addio a "Ughetto" Perosino

    21-11-2017
    Personaggio amato da tutti in città, sportivi e non, era un ex dipendente comunale, negli anni aveva svolto il ruolo di bagnino 
  • Crollo Nazionale i mali e la cura

    15-11-2017
    Ora che la batosta è arrivata chissà se avremo il coraggio di voltare pagina, lavorare su un'identità precisa rinunciando alle cariatidi...