Social Paper
Asti

La sfida di restare su facebook
senza cadere nella banalità

Stampa Home
Articolo pubblicato il 12/11/2014 alle ore 14:56.
La sfida di restare su facebook<br/>senza cadere nella banalità
Avere una passione e non poterla condividere forse è peggio di non averla. Da quando esiste internet, e con esso i social network, è diventato molto più facile condividere - nel vero senso della parola - i propri interessi. Se sei un artista, mostrare al mondo intero i frutti del tuo lavoro diventa semplicissimo. Aprire una pagina Facebook è il modo più facile, al giorno d'oggi, per arrivare agli altri. Il rischio è sempre quello: cadere nel vortice della banalità.

Da sempre, se c'è qualcosa che va di moda e riscuote consensi, la tendenza è quella di imitarlo, riproporlo invariato, sperando di ottenere lo stesso successo. Non basta: ciò che forse penalizza la semplicità di mettersi in gioco sul web è proprio questo. L'originalità rischia di essere offuscata da decine, centinaia di brutte copie dell'idea originale. Probabilmente vi starete chiedendo quale sia la chiave per il successo? Il successo non è quello che conta. Sì, certo, mentre siete in cameretta, a scrivere una canzone che nessuno mai sentirà, vi immaginate sopra un palco, davanti ad un pubblico entusiasta, pieno di ragazze bellissime e innamorate del frontman (che siete voi, ovviamente).

Il successo non conta, qualunque cosa facciate fatela con passione e per voi stessi. Il successo potrebbe sempre arrivare. Circa tre mesi fa ho aperto una pagina Facebook insieme a tre amici. Lo scopo è fondamentalmente quello di condividere la nostra passione per la musica. Guardando Skins, la serie TV adolescenziale che ci è tanto cara, ecco l'idea. Scavare a fondo, fino al fondale della musica e tirarne fuori più canzoni possibile; e così allargare le nostre conoscenze, quelle di chi ci segue e magari, un giorno, conoscere nuove persone, con cui andare ai concerti delle band che più ci piacciono. In fondo, che social sarebbe se no? (facebook.com/diggersparty)

Matteo Amarena

Cronaca

Attualità

Salute e Green

Economia e lavoro

Eventi e Weekend

Sport