Salute e Green
Asti

La maratona di Telethon per curare
le malattie genetiche e rare

Stampa Home
Articolo pubblicato il 14/12/2012 alle ore 09:44.
la-maratona-di-telethon-per-curarebrle-malattie-genetiche-e-rare-56e2fe2f955972.jpg
La consegna dell’assegno col ricavato della scorsa edizione
Telethon scende in campo anche quest’anno con la determinazione di sempre. Nonostante la crisi e la difficile congiuntura economica la ricerca contro le malattie genetiche, infatti, prosegue.
Alle associazioni che già facevano parte della famiglia Telethon (Apri, Napoli Club Asti Est Gruppo Azzurro) se ne aggiungono di nuove: Avis, Scout, Alpini, Pensionati del circolo Upae, Unione Ciechi, L’Arte del Sorriso (clownterapia), Rotaract e la Federazione del Tamburello. Grazie ai fondi raccolti in tutta Italia, la cifra totale finora raggiunta è di 27,1 milioni di euro (ovvero il 9% in più rispetto al 2010) stanziata per i fondi per la ricerca sulle malattie genetiche rare. Un ricavato che è servito a finanziare 40 progetti.

Alla conferenza stampa di presentazione delle iniziative astigiane per il 2012, svoltasi nei giorni scorsi in Municipio, hanno partecipato i rappresentanti istituzionali (il sindaco Fabrizio Brignolo e l’assessore Piero Vercelli), la testimonial Telethon Eleonora Zollo con il coordinatore provinciale Renato Dutto, e il rappresentante nazionale dell’Aisla, Vincenzo Saverino. Importante la consegna dell’assegno con la cifra (21.603,84 euro) ricavata da Asti e provincia per i fondi Telethon nel 2011.

«Il vasto programma messo in campo - ha sottolineato Dutto - porterà certamente ad un ottimo risultato nella raccolta fondi. Anche se siamo in un momento di crisi economica i quattrini donati a Telethon vengono ben spesi, con rigorosi criteri di efficienza, per raggiungere l’obiettivo di scrivere la parola “cura” accanto a ciascuna delle oltre 6 mila malattie genetiche. Ci vorrà molto tempo ma, con l’aiuto di tutti, l’obiettivo sarà raggiunto. Donare per Telethon significa ridare speranze concrete alle persone affette da malattia genetica e alle loro famiglie. In Piemonte sono appena arrivati altri 410 mila euro per la ricerca scientifica: tre gruppi di ricerca dell’Università di Torino, impegnati nella lotta alle malattie genetiche, hanno meritato un finanziamento. Salgono così a 9,6 milioni di euro i fondi totali stanziati finora da Telethon in Piemonte».

Eleonora Zollo, pronta con l’uscita nel 2013 del suo secondo cd musicale in favore di Telethon, ricorda che i banchetti, le serate, le iniziative valgono tutto l’anno e servono per sensibilizzare la gente sulla ricerca. Soverino, poi, ha sottolineato che i soldi ricavati da Telethon servono, e l’effetto della ricerca è tangibile: «Oggi - racconta - grazie a Telethon la qualità di vita di un malato è aumentata, i ricercatori fanno passi avanti con la ricerca. Le malattie rare devono essere curabili».

Roberta Arias

Cronaca

Attualità

Salute e Green

Economia e lavoro

Eventi e Weekend

Sport