Sport
Asti

Jordi Torras lascia il futsal
«Il 29 la mia ultima partita»

Stampa Home
Articolo pubblicato il 12/12/2015 alle ore 07:00.
jordi-torras-lascia-il-futsalbril-29-la-mia-ultima-partita-56e6bfe511aea2.jpg
Jordi Torras
Jordi Torras è sicuramente uno dei Prescelti del futsal: talento e intelligenza sopra la media, personalità da vendere, fisico da granatiere. Un fuoriclasse, che ha vinto tutto e scelto Asti come sua ultima meta agonistica. Il crepuscolo della carriera di un campione ha sempre tratti speciali: basti pensare all'ultimo anno nel tennis di Stefan Edberg, di Kobe Bryant nella pallacanestro. Il 2015 è l'anno d'addio anche del talento spagnolo. Martedì 29 dicembre Jordi disputerà la sua ultima partita, contro Napoli, in maglia nero-arancio.

Ha deciso di lasciare l'attività con sei mesi d'anticipo, una scelta che solo i grandi uomini fanno: «Non è stato facile maturare questa decisione - esordisce Torras - Ci ho riflettuto parecchio e penso che questa sia la cosa giusta da fare. Sia chiaro, non vado via dall'Orange Futsal per vestire un'altra maglia, semplicemente è giunto il momento di iniziare una nuova vita». Alla base della decisione, i persistenti problemi alle anche del talento iberico: «Ho concluso la scorsa stagione con grande affanno, dopo aver iniziato bene la mia avventura ad Asti nella fase conclusiva del 2014-15 ho stretto i denti a causa dei miei problemi fisici. La mia speranza era quella di poter stare meglio dopo un'estate di riposo, ma non è così purtroppo. Ho dei grossi problemi alle anche, principalmente la destra ma anche la sinistra, soffro di artrosi a livello avanzato bilaterale. Grazie al lavoro del dottor Cravero sono riuscito a scendere in campo lo stesso, certamente però questi mesi sono stati caratterizzati da sofferenza fisica e di testa», aggiunge Jordi.

«Dopo un consulto con il nostro staff medico e con uno specialista a Barcellona ho valutato seriamente di smettere: la società e mister Cafù mi hanno sostenuto e dato carta bianca, cercando di limitare i miei allenamenti, tuttavia nei miei 19 anni di carriera agonistica ho sempre dato il 100% e non riesco a sentirmi sereno se non posso farlo. Per essere un leader bisogna poter essere presenti in campo e in allenamento, i miei 35 anni e i guai fisici purtroppo condizionano troppo la mia attività». Con grande serenità e lucidità l'ex capitano della Nazionale spagnola ammette: «Non sono il Jordi dello scorso anno, convivo con la sofferenza fisica a ogni allenamento e a ogni partita, non era affatto mia intenzione lasciare la squadra in anticipo ma è la decisione più giusta, come professionista e come uomo».

Che cosa gli resterà dell'avventura in nero-arancio? «Quando ho concluso la mia esperienza al Barcellona ho valutato tanti aspetti prima di scegliere i nero-arancio. Sono orgoglioso e felice di aver deciso di sposare la causa orange. Mi sono imbattuto in una società rara, piccola, familiare, ma che fa le cose per bene. Il rispetto della parola data, il supporto verso gli atleti e le loro famiglie, la totale disponibilità verso la squadra e le sue esigenze rende questo giovane club un grande club, speciale e unico». Un pensiero va poi ai tifosi e alla città di Asti...«I nostri supporter sono favolosi, mi hanno accolto splendidamente quando sono arrivato, hanno sempre riempito il palazzetto e, cosa importante, sono sempre stati presenti durante gli allenamenti quotidiani. Asti è una città a misura d'uomo, tranquilla, ma che nasconde delle vere bellezze. Chi sostiene che in Piemonte si mangia bene e si vive bene dice la verità, peccato che in questo periodo certi paesaggi siano offuscati dalla nebbia (ride...ndr)».

L'ultimo match della carriera del leader è fissata per martedì 29 dicembre: «Contro Napoli saluterò i tifosi e mi auguro di farlo festeggiando un successo, nel nuovo anno tornerò a Barcellona. La vita degli sportivi è per certi versi in un universo a se stante, me la sono goduta per quasi 20 anni dando tutto me stesso, da 5 ho intrapreso delle attività nell'imprenditoria sportiva, ho una scuola di futsal, e penso sia tempo di concentrarmi su questo. A 35 anni inizio la vita reale, lavorando accanto alla mia famiglia restando però in un ambiente che amo, quello dello sport».

Quali sono i ricordi nel cassetto della sua avventura all'Orange Futsal? «Sono sempre stato convinto che si debbano ricordare tanto le gioie quanto le delusioni. Le mie immagini in nero-arancio sono la splendida accoglienza che ho ricevuto dai tifosi al mio arrivo, la soddisfazione delle due coppe vinte (Coppa Italia e Winter Cup, ndr), ma anche la delusione dei quarti di finale scudetto, quando fummo eliminati dal Kaos Futsal. Di questa stagione porterò nel cuore i volti dei compagni, che, dopo i tanti pareggi subiti nel finale, nel post gara manifestavano tutto l'amore per questa maglia e la voglia di riscatto, e la soddisfazione di aver vinto a Pescara, coi campioni d'Italia. Raggiungere la Final Eight di coppa per noi è stato come vincerla».

Un grazie speciale come "passo d'addio" e una promessa: «Saluto con affetto tutti coloro che lavorano lontano dai riflettori per supportare questo sodalizio, auguro ogni bene a Claudio Giovannone, una persona speciale, e garantisco che verrò ad Asti a sostenere la squadra, magari nella finale scudetto», la chiosa di Torras. La grandezza dei campioni emerge non solo sul terreno di gioco, ma anche per lo spessore umano. Jordi lascia e lo fa da fuoriclasse di vita.

Davide Chicarella

Cronaca

Attualità

Salute e Green

Economia e lavoro

Eventi e Weekend

Sport