Salute e Green
Asti

In ospedale alle 5 per i biglietti del "tempo zero". Interpellanza della Cotto

Stampa Home
Articolo pubblicato il 12/09/2014 alle ore 07:00.
in-ospedale-alle-5-per-i-biglietti-del-quottempo-zeroquot-interpellanza-della-cotto-56e689c449e152.jpg
Interno dell'ospedale Cardinal Massaia
Nato per sveltire la corsia verso le visite senza prenotazioni, l’accesso a tempo zero sta mostrando le corde, almeno per quanto riguarda il suo funzionamento. A sollevare ancora una volta il problema è il consigliere comunale Mariangela Cotto che ha “investito” il sindaco dell’incombenza di contattare l’Asl per avanzare proposte per una diversa organizzazione dell’accesso a tempo zero.

Un accesso “inaccessibile”, ad esempio per chi arriva da fuori Asti e da chi ha una famiglia da svegliare e accudire prima di andare a lavorare. Questo perchè è sempre più diffusa l’abitudine di fare la coda già alle 5 del mattino davanti agli sportelli che iniziano a distribuire numeri (limitati) alle 7. Dunque una pre-coda, spesso affidata ad amici o a famigliari disponibili ad alzarsi ad ore antelucane per sperare di arrivare a prendere un “numero buono” per la coda vera e propria.

Un momento, quello dell’attesa della distribuzione dei numeri, durante la quale “si verificano antipatici episodi di prevaricazione” sottolinea la Cotto senza che ci sia la garanzia di ricevere la prestazione. L’accesso a tempo zero riguarda 11 specialità: Otorinolaringoiatria, Chirurgia maxillo facciale, Neurologia, Elettromiografie, Ortopedia, Cardiologia, Ecg, Oculistica, Dermatologia, Urologia e Gastroenterologia con posti che vanno da un minimo dei 4 di Gastroenterologia ad un mazzimo di 30 per la visita cadiologica.

La Cotto chiede dunque al Sindaco se abbia già provveduto ad informare l’Asl delle lamentele crescenti dei cittadini rispetto al tempo zero e se siano state avanzate proposte per risolvere i disagi attuali.

Cronaca

Attualità

Salute e Green

Economia e lavoro

Eventi e Weekend

Sport