Social Paper
Asti

Il mondo è più comprensibile
se rappresentato con immagini

Stampa Home
Articolo pubblicato il 10/12/2014 alle ore 10:03.
il-mondo-e-piu-comprensibilebrse-rappresentato-con-immagini-56e6927a99f692.jpg
Il mondo è più comprensibilese rappresentato con immagini
Salve a tutti! Sono qui a scrivere un articolo sulla mia esperienza nella fumettistica. Perché, vi domanderete voi? Forse per invogliarvi a prenderla in considerazione più seriamente, o forse per la pura voglia di sfogarmi. Tornando al punto principale, mi sono unita da poco alla Nuova Provincia di Asti e al progetto Social Paper, il meglio che posso fare in questo settore è disegnare vignette comiche non troppo complicate. Non so di preciso perché io abbia iniziato a sviluppare un certo interesse verso il disegno, potrebbe essere successo quando ho notato che le brutte cose che succedevano nel mondo sono più comprensibili grazie ad un immagine... O quando ho scoperto quanto la gente sia influenzabile da una bella grafica. Non per niente le multinazionali si sforzano così tanto per trovare i giusti design per i loro prodotti e non per niente i siti che è più sconsigliabile cliccare in rete sono quelli di pubblicità per adulti con scritte colorate e qualche personaggio di sfondo, non so se mi spiego.

In ogni caso, ho sempre trovato affascinanti le differenze tra i diversi stili di disegno, come i tipici fumetti americani e i manga giapponesi. Purtroppo le mie capacità si basano solo su osservazioni e prove alquanto superficiali. Pur avendo provato a frequentare corsi specifici, sono inciampata nel più grande ostacolo per il mio orgoglio... L'anno scorso mi sono ritrovata in una classe di bambini che ad occhio e croce devono aver avuto la metà dei miei anni. Nel frattempo i doveri nei confronti della scuola sono moltiplicati e la mia capacità di mantenere più impegni in parallelo ha appeso alla porta di ingresso il cartello "Torno subito". Mi sono spesso chiesta come facciano le scuole a trovare sempre nuovi programmi più concentrati e più impegnativi ogni anno.

Avendo letto le premesse, potete immaginare che il mio modo di disegnare è piuttosto semplice e intuitivo, per tale motivo parti come mani, piedi ed espressioni facciali mi creano qualche problema, che spero di risolvere mentre lavoro in questo gruppo. Per chi se lo stesse chiedendo, anche se so che non ve lo state chiedendo, i miei fumetti preferiti erano principalmente i Topolino che, come ogni bambino che si rispetti, passavo ore e ore a leggere immaginando di essere io a risolvere misteri e, perché no, di essere io quella che sguazzava in un deposito pieno di monete. In seguito mi sono spinta verso lo stile orientale e grazie ad un'amica ho scoperto l'immenso mondo dei manga! Attualmente il mio favorito è Black Butler, seguito a ruota da "Qualsiasi cosa abbia una trama decente e una grafica accettabile".

Federica Giaccone

Cronaca

Attualità

Salute e Green

Economia e lavoro

Eventi e Weekend

Sport