Punto a Capo

Il grande inganno

Stampa Home
Articolo pubblicato il 22/04/2017 alle ore 09:10.
Il grande inganno 2
Il grande inganno

Chi tra noi non ricorda le parole di Franco Battiato…”…che cosa resterà di me del transito terrestre…ti tutte le impressioni che avuto in questa vita…”.

Intuizione pura, come solo i grandi possono permettersi. Risposta semplice:

UNA FOTO SU ISTAGRAM

UNA PAGINA FACEBOOK

MILIONI DI POST

MAILING LIST infinite

Ma soprattutto un rotolone enorme di carta (igienica) che conterrà milioni e milioni di indirizzi mail, una banca dati inenarrabile per la cui conservazione si potrebbe creare un bunker a lato dello stesso creato nelle isole SVALBARD per preservare dalle incurie umane ogni varietà di sementi presente su questa terra… (SVALBARD GLOBAL SEED VAULT)

Che GRANDE INGANNO la nostra epoca.

Già mi vedo il figlio di mio figlio che con aria esterefatta mi dirà: “Mamma, Mamma…”,

“Sì, gioia”

“Ma il nonno si faceva le foto tutte inclinate con gli occhiali neri e di tatuaggi???”

“No caro stai tranquillio…quello non è veramente tuo nonno..”.

Salvataggio in corner nemmeno troppo azzardato.

E non troppo ingannevole.

Quella che il figlio di mio figlio vedrà era l’immagine imposta dal GRANDE INGANNO per socializzare con il mondo.

Essere accettati dal gruppo, oltretutto virtuale.

Ma come gliela spiegheremo questa barzelletta?

“Sai caro ai nostri tempi noi ci volevamo bene virtualmente, ci sorridevamo attraverso lo schermo di un IPHONE..e ci arrabbiavamo anche, ci insultavamo... poi facevamo pace cliccando un mi piace.

DI certo un whatsapp risolveva tutto, immediato ed anche gratuito.

Anche le storie ce le raccontavamo così..le condividevamo con un click, da un capo all’altro del mondo (virtuale).

Abbiamo solcato i mari delle emozioni e dei sentimenti stringendo in mano un oggetto, trattandolo bene, usando mille cure e protezioni.

A caro prezzo.

Ma avremo il, coraggio di dire loro che tutto questo GRANDE INGANNO potrà non essere mai più cancellabile?

Avremo il coraggio di dire che nel tempo una foto di un nostro caro potrebbe comparire senza volerlo?

Non lo so ma qualcosa accadrà, virtualmente ma con ripercussioni sul reale.

L’unica cosa che resta è ricominciare a guardarsi negli occhi, abbracciarsi realmente, parlarsi  di persona .

Diciamo disintossicarsi dal mondo virtuale e ricominciare  a vivere quel dono immenso che è l’UMANITA’.

 

Tags: punto a capo

Cronaca

Attualità

Salute e Green

Economia e lavoro

Eventi e Weekend

Sport

  • Addio a "Ughetto" Perosino

    21-11-2017
    Personaggio amato da tutti in città, sportivi e non, era un ex dipendente comunale, negli anni aveva svolto il ruolo di bagnino 
  • Crollo Nazionale i mali e la cura

    15-11-2017
    Ora che la batosta è arrivata chissà se avremo il coraggio di voltare pagina, lavorare su un'identità precisa rinunciando alle cariatidi...