Salute e Green
Asti

I pericoli del fumo
Un vizio da evitare

Stampa Home
Articolo pubblicato il 16/06/2014 alle ore 12:01.
i-pericoli-del-fumobrun-vizio-da-evitare-56e68274d37702.jpg
I pericoli del fumoUn vizio da evitare
Un nuovo appuntamento con le scuole, quello organizzato dalla Lilt, la Lega italiana per la lotta ai tumori di Asti, che ha raggiunto il suo culmine con la conferenza-premiazione di venerdì mattina al palazzo della provincia di Asti. Mattinata caduta nell'imminenza della giornata mondiale senza tabacco, il 31 maggio. Il tema scelto per sensibilizzare i giovani, ma non solo, è stato quindi il fumo e i suoi pericoli talvolta sottovalutati e che riguardano diversi aspetti della nostra vita e della nostra società.

Una mattinata alla quale hanno preso parte il dottor Giuliano Pinna e la dottoressa Lucia Occhionero, pneumologa, medici che hanno illustrato ai giovani studenti, i rischi e i danni del fumo all'organismo; spiegando l'esistenza di un fumo passivo di 3° mano, ovvero il contatto con superfici e ambienti "contaminati". Altri giovani, hanno illustrato tutti i danni non solo fisici, ma anche economici e di disuguaglianza sociale causati da questo vizio. Anche in quest'occasione, gli alunni si sono dimostrati particolarmente recettivi nell'occasione, il che fa ben sperare per il futuro.

Per la cronaca le scuole partecipanti sono state premiate, nella difficoltà sempre presente nel giudicare elaborati che dimostrano l'impegno e l'attenzione dei giovani, nel seguente ordine: l'istituto comprensivo di Canelli e l'istituto comprensivo di Moncalvo a parimerito. Seguono i sempre meritevoli elaborati della scuola secondaria di Villafranca e della scuola primaria di Cinaglio, cui va un premio "fuori categoria" in quanto l'evento era destinato alle scuole medie. Questo è stato il secondo appuntamento della Lilt per sensibilizzare i giovani dell'astigiano. Il precedente incontro, dedicato all'alimentazione, era infatti destinato alle scuole primarie, mentre il prossimo, sull'alcol riguarderà le scuole secondarie di secondo grado.

Sempre nei giorni scorsi, si è svolto a Canelli un altro importante appuntamento della Lilt astigiana. La compagnia "W. Project", con la collaborazione dell'Istituto comprensivo, della scuola di danza "Universal Dance" di Canelli, e dell'Accademia della musica di Alice Bel Colle, ha dato vita a un'interpretazione teatrale dal titolo "C'era una volta favolando... Il ritorno". Un'occasione per promuovere, grazie al presidente della sezione di Asti, il dottor Lanfranco, il Progetto Rigenio sui rischi genetici in oncologia e per sensibilizzare la popolazione a una consulenza genetica per la valutazione del rischio oncologico e per presentare le prossime iniziative Lilt.

Cronaca

Attualità

Salute e Green

Economia e lavoro

Eventi e Weekend

Sport