Eventi e Weekend
Asti

I nonni raccontano ai nipoti l’Asti del passato

Stampa Home
Articolo pubblicato il 14/10/2017 alle ore 12:06.
I nonni raccontano ai nipoti l’Asti del passato 3
I nonni raccontano ai nipoti l’Asti del passato

Raccontare la città ai bambini, le sue storie, le sue “leggende”, attraverso la memoria e le esperienze vissute dai nonni. E’ quanto succederà domenica, 15 ottobre, dalle 14 e per tutto il pomeriggio, durante l’originale iniziativa organizzata dall’Unicef di Asti, in collaborazione con l’Associazione 50&Più, l’Associazione Genitorinsieme, le scuole di Asti e con il patrocinio del Comune.

“C’era una volta Asti”, questo il nome dell’evento, festeggerà i nonni a pochi giorni dalla ricorrenza del 2 ottobre, giorno a loro dedicato.

Il ruolo svolto dai nonni all’interno delle famiglie e nella società è noto: per molti rappresentano un’insostituibile presenza che, sempre più spesso, “ammortizza” la crisi generale e l’impossibilità per molte famiglie di poter accedere ad altri aiuti se non quelli dei famigliari più stretti.

Per la società, come nel caso dei “Nonni Civic”, sono un valido esempio di collaborazione con gli enti pubblici per garantire servizi fondamentali, come il presidio davanti alle scuole.

Ma per i bambini, i nonni sono prima di tutto i compagni di gioco e coloro che li coinvolgono nei loro racconti, di quando erano giovani.

Ed è proprio partendo dalla capacità di raccontare, di emozionare, che l’Unicef li ha coinvolti in questa iniziativa «per creare - fanno sapere gli organizzatori - un ricordo condiviso tra nonni e nipoti dei luoghi più importanti di Asti, offrendo una maggiore conoscenza e rispetto della città stessa, per il presente e per il futuro».

La “favolosa storia” della città sarà raccontata insieme ad alcune guide turistiche, ai volontari dell’Unicef e ai rappresentanti delle associazioni che aderiscono all’iniziativa.

Nel contempo si attiverà una raccolta fondi a favore dell’Unicef «che intende aiutare - spiegano dal sodalizio - e prendere per mano migliaia di bambini bisognosi per proteggerli dallo sfruttamento e dalla discriminazione affinché possano sperare in un futuro migliore».

Il punto di ritrovo sarà in piazza Roma ed è prevista un’offerta minima di 8 euro a coppia, nonno-bambino.

«Invitiamo tutti i bambini tra 8 e 13 anni, accompagnati da una nonna o da un nonno, reale o adottivo, ovvero da un adulto che il bambino si sceglie in rappresentanza dei nonni impossibilitati a partecipare» concludono gli organizzatori rilanciando l’appuntamento di domenica.

Questo l’itinerario della passeggiata: Torre Rossa, Asti Romana; via Carducci e Domus Romana, via Varrone, via Massaia e Palazzo Mazzola, piazza Cattedrale; Duomo; via Caracciolo, piazza Cairoli e Palazzo Alfieri; corso Alfieri, Tre Re e Palazzo Ottolenghi; via San Martino e Chiesa San Martino, piazza Roma, Torre Comentina, via Ottolenghi, Sinagoga, Ghetto Ebraico; via Aliberti, piazza Statuto, Collegiata di San Secondo e Palazzo Comunale; chiesa di San Secondo, via Palazzo di città, piazza Medici e Torre Troiana.

Le iscrizioni alla passeggiata potranno avvenire entro domani, sabato 14, telefonando al numero informativo 345.9122981.

Riccardo Santagati

Tags: asti,Unicef

Cronaca

  • Slot spente vicino a scuole e chiese

    22-11-2017
    Stando alla norma, non potranno essere operative le macchinette che rientrano in un raggio di 500 metri da un luogo “sensibile” (come scuole,...
  • Dopo 75 anni scopre il nome della madre

    22-11-2017
    Come per questa ricerca, partita solo qualche anno fa grazie all'entusiasmo e alla determinazione di Cristina, in cui ha fatto capolino una foto di classe,...

Attualità

Salute e Green

Economia e lavoro

Eventi e Weekend

Sport

  • Addio a "Ughetto" Perosino

    21-11-2017
    Personaggio amato da tutti in città, sportivi e non, era un ex dipendente comunale, negli anni aveva svolto il ruolo di bagnino 
  • Crollo Nazionale i mali e la cura

    15-11-2017
    Ora che la batosta è arrivata chissà se avremo il coraggio di voltare pagina, lavorare su un'identità precisa rinunciando alle cariatidi...