Cronaca
Asti

Folletto, non c'è relazione tra gioco e aggressione

Stampa Home
Articolo pubblicato il 06/05/2016 alle ore 20:29.
Folletto, non c'è relazione tra gioco e aggressione 3
Pasqualino Folletto, 47 anni, reo confesso assassino di Maria Luisa Fassi

Non esiste una relazione causale tra l'asserita compulsività da ludopatia e l'aggressione, con 45 coltellate, che ha portato alla morte di Maria Luisa Fassi, uccisa nella sua tabaccheria nel luglio dello scorso anno nel corso di una rapina. È quanto ha espresso nell'udienza di questa mattina, venerdì, il dottor Roberto Koller, psichiatra incaricato dal Gup, il giudice per le udienze preliminari, al processo Folletto.

Il punto principale che si è affrontato in tribunale oggi è stato proprio quello relativo alla relazione sullo stato psichico dell'uomo depositata dal dottor Koller, che ha confermato in aula la piena capacità di intendere e di volere di Pasqualino Folletto, 47 anni, in carcere per l'omicidio della donna. Per il prossimo 15 giugno è attesa la sentenza.

Cronaca

Attualità

Salute e Green

Economia e lavoro

Eventi e Weekend

Sport

  • Moncalvese U12 in rosa argento tricolore

    21-06-2017
    Impresa da ricordare per le giovanissime “furie rosse” aleramiche. La formazione della Moncalvese under 12 femminile di hockey conquista infatti...
  • Calcio: è nato l'Alfieri Asti

    10-06-2017
    Il club avrà i colori biancorossi tipici dei galletti, nuovo anche il logo della società in cui figura il numero cinque in ricordo di Luca...