Cultura e Spettacoli
Asti

Essere demodé? Secondo Bisaccia è una fortuna

Una mostra d'arte figurativa con opere degli ultimi due anni: dipinti a olio, a tempera, ad acquerello, pastelli, xilografie e sculture polimateriche

Stampa Home
Articolo pubblicato il 04/06/2016 alle ore 05:10.
mostra arte figurativa dipinti sculture Asti 2016 Matteo Bisaccia
Dettaglio di una delle opere esposte

Essere “demodé” per qualcuno è una fortuna. E’ il caso di Matteo Michele Bisaccia, pittore e incisore che oggi, sabato, inaugura una sua personale intitolata “Demodé, la Fortuna di essere lontani”. 29 anni, originario di Vinchio, Bisaccia allestirà l’esposizione nel cortile della Società della Fratellanza Militari in congedo, in Via Bonzanigo 46.

Sarà una mostra d'arte figurativa composta da opere realizzate negli ultimi due anni: dipinti a olio, a tempera, ad acquerello, pastelli, xilografie e sculture polimateriche. La fortuna cui fa riferimento il titolo è quella “di essere lontani dal gusto contemporaneo e di elaborare opere che hanno una vocazione narrativa dolcemente fuori moda”, spiega l’autore.

La pittura naif, l'arte antica e l'archeologia industriale hanno ispirato opere che da sabato saranno esposte in un garage del suggestivo cortile. Luogo fuori dall’ordinario così come fuori dall’ordinario saranno le modalità di visita: la mostra accoglierà solamente un visitatore alla volta e si articolerà in tre parti: il primo capitolo dal titolo “il piccolo faraone” che parla della malinconia e del quotidiano, dove prendono forma i sogni; la seconda parte, “La volpe e l'incendio” rappresenta l'imprevisto motore che uccide e fa rinascere; il terzo capitolo “Sirene e sfingi” racconta, con risvolti sessuali, l'eterno rigenerarsi della natura.

Il giorno dell'inaugurazione, il sottofondo musicale originale sarà eseguito dal vivo dal gruppo “Detour” e dal progetto di musica narrativa “Mould” tutti gli altri giorni di apertura. L'allestimento è stato realizzato con la supervisione di Alice Bogetti. La mostra resterà aperta da sabato e fino al 9 luglio con i seguenti orari: giovedì dalle 16 alle 20, venerdì, sabato e domenica dalle 17 alle 23, su prenotazione gli altri giorni. Per informazioni e prenotazioni: 324 8453316.

e.p.r.

Tags: arte,Matteo Bisaccia,Mostre

Cronaca

Attualità

Salute e Green

Economia e lavoro

Eventi e Weekend

Sport