Social Paper

E’ nata Pharmercure, la farmacia a domicilio

Stampa Home
Articolo pubblicato il 01/08/2017 alle ore 08:37.
E’ nata Pharmercure, la farmacia a domicilio 2
E’ nata Pharmercure, la farmacia a domicilio

Una farmacia alla portata di tutti, più vicina alle persone e alle loro esigenze.

È questo il sogno da cui è nata Pharmercure, startup ideata da sei giovani universitari di Torino.

“Ci siamo incontrati a un laboratorio didattico sull’imprenditorialità presso lo Startup Creation Lab, con il prof. Peirone – ci spiega Sara Solaro, CMO dell’impresa – e ci siamo subito trovati bene insieme.

L’idea iniziale è venuta a Edoardo Marchetti, un nostro collega che studia medicina, che si è interrogato su come poter aiutare sua nonna che, abitando nelle campagne di Torino, non può accedere con facilità alle farmacie”. Un’idea semplice, ma profonda, che è subito piaciuta anche a Maurizio Campia, CEO, Thomas Pullin, communication manager, Federico Mecca, CFO, Manuel Balma, Legal e CCO, nonché alla Solaro stessa.

È iniziata così l’avventura di Pharmercure, che già nel nome unisce la farmacia a Mercurio, il dio dai sandali alati messaggero degli dei.

Infatti, il loro progetto si basa soprattutto sulla consegna a domicilio di farmaci e prodotti parafarmaceutici, grazie a corrieri competenti che utilizzeranno bici o macchine elettriche.

Mirano inoltre a diventare un punto di riferimento per informazioni e servizi legati alla sanità.

“Un punto focale del nostro lavoro sarà lo Smart Refill, dedicato a malati cronici e anziani, in modo che si possa garantire loro la continua disponibilità dei farmaci necessari alla cura – aggiunge Sara – così come riteniamo importante la Fast Lane per saltare la coda e la nostra reperibilità 24 ore su 24, 7 giorni su 7”.

Inoltre, per l’autunno sarà pronta una piattaforma online che permetterà la scelta del farmaco in base al sintomo e alle farmacie consentirà di promuovere i propri prodotti.

Sempre su tale piattaforma, Pharmercure intende aprire un portale di contatto con i medici per fornire aiuto riguardo alla gestione delle terapie.

“Non vogliamo sostituirci alle farmacie, anzi aiutarle – precisa la Solaro - Per ora abbiamo iniziato a lavorare ad Asti, patria mia e di Maurizio, ma da settembre saremo attivi anche a Torino”.

La startup ha vinto una consulenza premio con Matteo Masserdotti di Tip Ventures, che ha fornito loro consigli preziosi per il crowdfunding.

Inoltre, sono stati selezionati da Grants4Apps per una call per startup che si è tenuta a Milano sotto osservatorio Bayer e sono una tra le 6 startup finaliste di .itCup Registro 2017.

“Siamo all’inizio, ma ci crediamo perché siamo giovani e sognatori – concludono - La nostra forza è stata avere sei teste completamente diverse”.

Info: pharmercure.com o sui social.

Irene Conte, 17 anni

Tags: social paper

Cronaca

Attualità

Salute e Green

Economia e lavoro

Eventi e Weekend

Sport