Salute e Green
Asti

Dopo gli infermieri scioperano i medici
Camici bianchi a Roma contro la legge di stabilità

Stampa Home
Articolo pubblicato il 08/11/2014 alle ore 07:00.
dopo-gli-infermieri-scioperano-i-medicibrcamici-bianchi-a-roma-contro-la-legge-di-stabilita-56e68f2bbcbc22.jpg
Gli infermieri astigiani a Roma la scorsa settimana
Lunedì scorso gli infermieri hanno incrociato le braccia, oggi toccherà invece ai medici protestare contro la Legge di Stabilità e i tagli al Sistema Sanitario Nazionale. Nessuno sciopero in vista, al momento è prevista solo una manifestazione a Roma organizzata dalla Funzione Pubblica di CGIL, CISL e UIL e alla quale aderirà anche una delegazione astigiana di 60 persone. Come gli infermieri, anche i medici protesteranno per il blocco dei contratti e delle assunzioni, anche se in questo ultimo caso la categoria pare meno colpita rispetto agli altri operatori sanitari.

Si chiederanno risposte per gli oltre 21 mila precari medici presenti in Italia e un'appropriata normativa sulla responsabilità professionale per evitare che in tempi di "spending review" si sprechino 10 miliardi per la medicina difensiva. La mobilitazione non interessa però solo la classe medica ma l'intero sistema pubblico, preoccupato per i tagli, il carico di lavoro e colpito dal blocco dei contratti e degli stipendi. Alla manifestazione aderirà quindi l'intero comparto sanitario ma anche i dipendenti della pubblica amministrazione, della scuola, della motorizzazione e non solo.

«Sabato delegati di FIOM e FILLEA ci accompagneranno a Roma in un gesto simbolico di solidarietà -– racconta Barbara Tinello segretario provinciale FP CGIL -– questo è un fatto eclatante: per la prima volta lavoratori del settore privato supportano la protesta dei dipendenti del settore pubblico. Ormai è stato compreso che questo accanimento contro i dipendenti pubblici si ripercuote su tutti i cittadini». Dai sindacati si sottolinea la scelta del sabato come giorno di protesta. In questo modo non verrà causato alcun disagio all'utenza dato che in questa giornata gli uffici pubblici e gli ambulatori sanitari osservano la chiusura.

l.p.

Cronaca

  • Slot spente vicino a scuole e chiese

    22-11-2017
    Stando alla norma, non potranno essere operative le macchinette che rientrano in un raggio di 500 metri da un luogo “sensibile” (come scuole,...
  • Dopo 75 anni scopre il nome della madre

    22-11-2017
    Come per questa ricerca, partita solo qualche anno fa grazie all'entusiasmo e alla determinazione di Cristina, in cui ha fatto capolino una foto di classe,...

Attualità

Salute e Green

Economia e lavoro

Eventi e Weekend

Sport

  • Addio a "Ughetto" Perosino

    21-11-2017
    Personaggio amato da tutti in città, sportivi e non, era un ex dipendente comunale, negli anni aveva svolto il ruolo di bagnino 
  • Crollo Nazionale i mali e la cura

    15-11-2017
    Ora che la batosta è arrivata chissà se avremo il coraggio di voltare pagina, lavorare su un'identità precisa rinunciando alle cariatidi...