Cronaca
Asti

Delitto Fassi: Folletto capace di intendere e volere

Anche se il perito ha rilevato nel reo confesso la dipendenza da gioco d'azzardo

Stampa Home
Articolo pubblicato il 14/04/2016 alle ore 07:00.
Delitto Fassi: Folletto capace di intendere e volere 3
Il tribunale di Asti

E’ stata depositata lunedì la perizia psichiatrica firmata dal dottor Roberto Koller, specialista di Torino, incaricato dal gip Giannone per fare una valutazione su Pasqualino Folletto, l’uomo di 47 anni reo confesso del delitto di Maria Luisa Fassi nel luglio dello scorso anno. Lo psichiatra incaricato dal gip ha concluso per la totale capacità di intendere e di volere dell’imputato e, pur rilevando la presenza di un disturbo di ludopatia (dipendenza dal gioco), esso non è legato all’efferatezza delle oltre 40 coltellate sferrate.

Il dottor Koller tornerà in aula il 28 aprile, durante l’udienza preliminare che vede fissato il contraddittorio fra il perito e i consulenti del pm Tarditi (il dottor Guglielmo Occhionero), della parte civile sostenuta dall’avvocato Berardi (dottor Gianluca Novellone) e la difesa rappresentata dagli avvocati Merlino e Romagnolo che hanno dato incarico al dottor Domenico Veschia. Sempre in attesa della decisione della Cassazione su una dirimente questione preliminare che potrebbe far saltare il rito abbreviato.

Cronaca

Attualità

Salute e Green

Economia e lavoro

Eventi e Weekend

Sport