Cronaca
Canelli e sud

Danno fuoco a casa e postano su Instagram

Stampa Home
Articolo pubblicato il 13/06/2017 alle ore 09:22.
Danno fuoco a casa e postano su Instagram 3
Ancora una bravata finita su un social network

Hanno pubblicato su Instagram le foto della bravata con tanto di commenti e di like complimentandosi a vicenda per quanto fatto. Una vanità che è costata una denuncia a piede libero verso due ragazzi minorenni per incendio, grazie al monitoraggio sui social fatto dai carabinieri della caserma di Santo Stefano Belbo.

Incensurati, entrambi studenti, si erano divertiti dando fuoco a pezzi di legno, oggetti in plastica e cornici di vecchi quadri recuperati in una villa abbandonata da tempo nella zona di Santo Stefano.

Hanno accatastato tutto in una stanza della casa abbandonata e gli hanno dato fuoco, filmando e fotografando poi il rogo.

Come hanno cominciato a circolare le immagini, è stato facile per i carabinieri arrivare ai due, residenti a Santo Stefano, che sono stati identificati e raggiunti dai militari. Hanno anche provato a cancellare le foto, ma ormai era troppo tardi e alla fine, convocati in caserma, non hanno potuto far altro che vuotare il sacco.

Ora compariranno davanti al Tribunale dei Minori di Torino.

Tags: cronaca,incendio,carabinieri

Cronaca

  • Slot spente vicino a scuole e chiese

    22-11-2017
    Stando alla norma, non potranno essere operative le macchinette che rientrano in un raggio di 500 metri da un luogo “sensibile” (come scuole,...
  • Dopo 75 anni scopre il nome della madre

    22-11-2017
    Come per questa ricerca, partita solo qualche anno fa grazie all'entusiasmo e alla determinazione di Cristina, in cui ha fatto capolino una foto di classe,...

Attualità

Salute e Green

Economia e lavoro

Eventi e Weekend

Sport

  • Addio a "Ughetto" Perosino

    21-11-2017
    Personaggio amato da tutti in città, sportivi e non, era un ex dipendente comunale, negli anni aveva svolto il ruolo di bagnino 
  • Crollo Nazionale i mali e la cura

    15-11-2017
    Ora che la batosta è arrivata chissà se avremo il coraggio di voltare pagina, lavorare su un'identità precisa rinunciando alle cariatidi...