Cultura e Spettacoli
Asti

Cresce l'attesa per il ritorno di Massimo Ranieri

Stampa Home
Articolo pubblicato il 25/01/2017 alle ore 06:49.
Cresce l'attesa per il ritorno di Massimo Ranieri 3
Cresce l'attesa per il ritorno di Massimo Ranieri

Cresce l'attesa per il ritorno di Massimo Ranieri ad Asti, mercoledì 1° febbraio, al Teatro Alfieri. Dopo il successo di “Viviani varietà”, l'attore e cantante napoletano, con la regia di Maurizio Scaparro, affronta ancora una volta il grande drammaturgo Raffaele Viviani nello spettacolo “Teatro del porto”.

Con lui sul palco Ernesto Lama, Angela De Matteo, Gaia Bassi, Roberto Bani, Mario Zinno, Ivano Schiavi, Antonio Speranza e  Francesca Ciardiello, oltre a un’orchestra composta da Ciro Cascino (pianoforte), Luigi Sigillo (contrabbasso), Donato Sensini (fiati), Sandro Tumolillo (violino), Giuseppe Fiscale (tromba), Mario Zinno (batteria).

Lo spettacolo è un omaggio all’opera di Raffaele Viviani con le sue poesie, parole e musiche. La Napoli che viene portata in scena è quella di cent’anni fa, che guardava con amore e ironia, descrivendola con crudo realismo e squisita sintesi di linguaggio. A essere rappresentata è la teatralità degli emigranti, degli zingari, dei pescatori, dei guappi, dei gagà, delle cocotte e delle prostitute, il mondo della strada che per primo e più fortemente colpì la fantasia dell'artista. Un motivo di costante ispirazione è l'emigrazione, la sorte nera degli esuli.

“Esiste in alcuni di noi la memoria storica o il lontano ricordo di una Napoli vissuta mentre già stava cambiando – spiega il Scaparro  –  Questa preziosa memoria è stata, per Massimo e per me, il primo filtro ma anche lo stimolo per continuare a lavorare su un nuovo spettacolo che potesse avere come testimonianza di questo mondo, così ricco, la figura stessa di Viviani attraverso il suo teatro, le sue parole, il suo canto scenico privilegiando così quel vitalissimo giacimento culturale e musicale che era la Napoli dei quartieri. È nato così questo spettacolo pensando ad uno spazio neutro sospeso tra il mare e la terra che favorisse lo scambio di conoscenza e di speranze che veniva dal mare, per ricordare sogni e delusioni di una grande città, verso un futuro già cominciato scoprendo, anche grazie a lui, parole vecchie e nuovi significati come mediterraneo, emigrazione e, con un po’ di ottimismo, anche cultura e teatro”.

 Per informazioni e prenotazioni è possibile chiamare la biglietteria del teatro dal martedì al venerdì dalle 10 alle 17 telefonando allo 0141.399057-399040. Ultimi biglietti disponibili: 40 euro platea, 35 euro baracce e palchi, 20 euro loggione. 

Tags: Massimo Ranieri,teatro alfieri,stagione teatrale 2016/17,asti

Cronaca

Attualità

Salute e Green

Economia e lavoro

Eventi e Weekend

Sport

  • Addio a "Ughetto" Perosino

    21-11-2017
    Personaggio amato da tutti in città, sportivi e non, era un ex dipendente comunale, negli anni aveva svolto il ruolo di bagnino 
  • Crollo Nazionale i mali e la cura

    15-11-2017
    Ora che la batosta è arrivata chissà se avremo il coraggio di voltare pagina, lavorare su un'identità precisa rinunciando alle cariatidi...