Cronaca
Moncalvo e nord
tutti i comuni

Cane fuori controllo
morde quattro persone

Stampa Home
Articolo pubblicato il 02/02/2016 alle ore 09:46.
cane-fuori-controllobrmorde-quattro-persone-56e6c3076dd5c2.jpg
I soccorsi sul luogo dell'incidente
Ne ha morsicati quattro prima di essere bloccato ed anestetizzato quel tanto che è bastato per caricarlo sull'ambulanza veterinaria e portarlo al canile di Refrancore in attesa di decisioni sul suo futuro. Il protagonista è un cane, un pastore del Caucaso, splendido e possente animale di grossa taglia, originario di un luogo dove i suoi simili si confrontano con orsi e lupi. L'esemplare di nove anni (già avanzata trattandosi di un cane) vive con la famiglia proprietaria in una villetta di Viarigi dove domenica scorsa è avvenuto l'attacco.

Non è chiaro quale sia stato il motivo che lo ha innervosito e ha fatto emergere la sua aggressività, ma il risultato è stato quello di quattro persone attaccate e morsicate che sono dovute ricorrere alle cure mediche. Il primo ad essere attaccato è stato il vicino di casa che abita al piano superiore dei proprietari del cane. Il pastore del Caucaso lo ha azzannato ad un polpaccio provocandogli profonde lacerazioni che sono state suturate con decine di punti. Poi è toccato alla giovane figlia dei proprietari; l'attacco alla bambina è stato interrotto solo perchè la madre è intervenuta attirando su di sè la rabbia del cane che ha morsicato anche lei ad una gamba. La donna, a terra con l'arto sanguinante e dolorante, è stata trovata dai volontari della Croce Verde di Montemagno chiamati per il soccorso. Purtroppo la donna che urlava dal dolore e dallo spavento, si trovava ancora dentro il cortile insieme al cane e i volontari non sono potuti intervenire subito.

E' stato chiesto, a questo punto, l'intervento della neonata associazione Ambulanze Veterinarie Italia con i volontari Jimmy Dotti e Massimo Santoro. Proprio quest'ultimo è stato la quarta vittima del cane perchè, dopo essere entrati nel cortile e averlo bloccato con l'accalappiatoio, hanno dovuto affrontare il fatto che la forza dell'animale aveva rotto l'arnese ed era tornato in libertà attaccando l'uomo in divisa. Santoro e Dotti hanno comunque tenuto lontano il cane dalla donna sdraiata a terra fino all'arrivo del dottor Gianbattista Filippone, veterinario, che ha sparato due dardi anestetici per calmarlo. Sono bastati per immobilizzarlo di nuovo e consentire ai volontari della Croce Verde di soccorrere i feriti.

Il cane è stato poi portato al canile di Refrancore dove rimarrà in quarantena per gli esami antirabbica per circa 25 giorni, in isolamento. Toccherà poi ai proprietari decidere sulla sua sorte. Se, impauriti, non vorranno più riprenderlo a casa, l'Enpa si è già detta disponibile a prenderlo in carico anche con un corso di rieducazione ed addestramento.

Daniela Peira

Cronaca

Attualità

Salute e Green

Economia e lavoro

Eventi e Weekend

Sport