Social Paper

Campus di studi classici: esperienza da provare

Stampa Home
Articolo pubblicato il 06/10/2017 alle ore 09:27.
Campus di studi classici: esperienza da provare 2
Campus di studi classici: esperienza da provare

Anche quest’anno è stato organizzato il Campus di studi classici per studenti liceali: dal 15 al 22 luglio si sono incontrati 18 studenti a Montecatini Terme (PT) per visitare città come Firenze, Lucca, Pistoia e Montecatini Alta e approfondire temi legati alla Profezia nell’ambito delle letterature classiche, della storia dell’arte, dell’economia e molti altri.

Sono ormai quattro anni che l’Associazione culturale Alfeo e Aretusa propone quest’iniziativa, ampliando sempre di più il raggio di provenienza dei ragazzi coinvolti: Asti, Torino, Alessandria, Genova, Milano, Como e addirittura Pesaro.

“Il campus mi è stato proposto da un’amica che ben conosce la mia passione per le Lettere.

Ho subito deciso di aderire all’iniziativa perché sembrava essere il giusto mix tra vacanza e studio.

Inoltre la possibilità di visitare città con un professore di storia dell'arte è un’opportunità che non mi capita spesso.

Ma l’aspetto migliore della vacanza è l’occasione di conoscere ragazzi e docenti nuovi che sono diventati, per una settimana, il mio punto di riferimento.

Ciò mi ha permesso di assumere diversi punti di vista e di imparare in maniera del tutto nuova.

Le lezioni si sono dimostrate interessanti e il tema proposto mi ha incuriosito molto,” racconta Giulia, studentessa del Liceo Classico di Genova.

“Il campus è stata un’esperienza unica: la cosa che ho apprezzato di più è stato il trascorrere il tempo con persone simpatiche e bizzarre, come me del resto, con cui ho condiviso momenti fantastici.

Avevo già partecipato a quest’iniziativa lo scorso anno a Genova Nervi e sono tornato perché credo che questa sia un’occasione di apertura mentale grazie alle persone che ti stanno intorno e agli argomenti trattati a lezione, rese piacevolissime dai bravissimi docenti che ogni anno vengono invitati,” riferisce Daniele, del Liceo Classico di Busto Arsizio (MI).

“Per me il campus non è stato un’esperienza nuova: quest’anno, l’ho ripetuto per la seconda volta e l’ho trovato nuovamente un’esperienza da provare e da ripetere che unisce lo studio, non troppo intenso né pesante, al divertimento, al confronto con ragazzi della nostra stessa età,” racconta invece Sara, del Liceo Classico di Asti.

“Uno degli aspetti migliori del campus - riferiscono i partecipanti - è che non finisce in quella settimana, ma resta un collegamento extraregionale tra alunni e insegnanti attraverso i vari social network, in modo da mantenere vivo il gruppo e continuare a condividere le proprie esperienze.

È un’avventura che consigliamo a tutti coloro che ne hanno la possibilità!”

Sara Omegna, 18 anni

Tags: social paper

Cronaca

  • Slot spente vicino a scuole e chiese

    22-11-2017
    Stando alla norma, non potranno essere operative le macchinette che rientrano in un raggio di 500 metri da un luogo “sensibile” (come scuole,...
  • Dopo 75 anni scopre il nome della madre

    22-11-2017
    Come per questa ricerca, partita solo qualche anno fa grazie all'entusiasmo e alla determinazione di Cristina, in cui ha fatto capolino una foto di classe,...

Attualità

Salute e Green

Economia e lavoro

Eventi e Weekend

Sport

  • Addio a "Ughetto" Perosino

    21-11-2017
    Personaggio amato da tutti in città, sportivi e non, era un ex dipendente comunale, negli anni aveva svolto il ruolo di bagnino 
  • Crollo Nazionale i mali e la cura

    15-11-2017
    Ora che la batosta è arrivata chissà se avremo il coraggio di voltare pagina, lavorare su un'identità precisa rinunciando alle cariatidi...