Cronaca
Costigliole e Valtiglione
tutti i comuni

Bocconi avvelenati nelle campagne
Intossicati tre cani da tartufo

Stampa Home
Articolo pubblicato il 29/12/2015 alle ore 07:00.
bocconi-avvelenati-nelle-campagnebrintossicati-tre-cani-da-tartufo-56e6c1279ffe32.jpg
(immagine di repertorio)
Bocconi avvelenati nella campagna tra Celle Enomondo e Revigliasco. La segnalazione arriva da un agricoltore di Celle, che ha trascorso i giorni di festa del Natale ad accudire tre dei suoi cani da tartufi, rimasti intossicati dal veleno. «E’ accaduto in tre giorni diversi, nel giro di meno di una settimana. Li abbiamo subito portati dal veterinario, il dottor Squassino, ma per uno di loro, Lilly, il più anziano, forse non ci sarà nulla da fare – racconta Carlo Bugnano, titolare di un’azienda agricola di Celle e trifolao – Dove si trovano le nostre tartufaie, recintate e destinate alla raccolta privata, nella zona di Vandera, ho raccolto dodici di quei bocconi, che ho consegnato al veterinario dell’Asl affinché fossero analizzati. Ritengo che siano stati sparsi in quei terreni nella mattinata del 19 dicembre e diversi animali selvatici sono morti a causa di quei bocconi: una volpe, faine e corvi. Oltre ai miei tre cani, rimasti avvelenati».

Episodi che hanno destato grande rabbia e dispiacere nel signor Bugnano e nei suoi familiari; ma che hanno provocato sconcerto anche tra i compaesani dell’agricoltore. In molti, allibiti per quanto sta accadendo, lo hanno avvicinato esprimendogli solidarietà. «Nutro spospetti sui motivi e sulla mano che potrebbe aver compiuto questo gesto. E in precedenza un fatto analogo si era verificato ad un altro cane da tartufi, in un’altra zona del paese, rimasto avvelenato e per fortuna salvatosi», aggiunge Bugnano.
Trifolao di grande esperienza e uomo tenace, non si arrende alla brutalità a cui si sono trovati di fronte i suoi amati cani da trifole: «Da 70 anni mi dedico alla ricerca dei tartufi: ero soltanto un bambino, potevo avere sette anni, quando espressi a mio padre il desiderio di andare per tartufi, affascinato dai momenti festosi che accompagnavano le uscite dei “grandi” in giro per la campagna con i loro cani – ricorda Carlo Bugnano – E così chiesi a mio papà di poter avere un cane da ricerca: il giorno in cui mi regalarono Lilla fui talmente felice, non mi pareva vero: incominciai così a cercar tartufi. E da allora la stessa passione mi ha sempre accompagnato».

Una passione che è diventata anche un’attività lavorativa, assolutamente in regola con permessi e fatturazioni. «Mi sono già rivolto ai carabinieri e ho presentato denuncia per quanto è accaduto – dice Bugnano, intenzionato a difendere i propri cani ed altri animali, che potrebbero rimanere avvelenati se gli episodi continuassero – La vallata in cui si trovano le nostre riserve è molto frequentata da chi va a camminare con i propri cani e se venissero gettati altri bocconi c’è il rischio che gli animali rimangano avvelenati».

Marta Martiner Testa

Cronaca

Attualità

Salute e Green

Economia e lavoro

Eventi e Weekend

Sport

  • Moncalvese U12 in rosa argento tricolore

    21-06-2017
    Impresa da ricordare per le giovanissime “furie rosse” aleramiche. La formazione della Moncalvese under 12 femminile di hockey conquista infatti...
  • Calcio: è nato l'Alfieri Asti

    10-06-2017
    Il club avrà i colori biancorossi tipici dei galletti, nuovo anche il logo della società in cui figura il numero cinque in ricordo di Luca...