Economia e lavoro
Asti

Astigiano: via libera a tre nuove farmacie

Stampa Home
Articolo pubblicato il 26/03/2017 alle ore 13:25.
Astigiano: via libera a tre nuove farmacie 3
Astigiano: via libera a tre nuove farmacie

Ci sono nuove tre farmacie che potranno aprire in provincia di Asti grazie al concorso straordinario bandito dalla Regione nel 2012. Nella comunicazione regionale non sono specificati i comuni in cui queste farmacie saranno aperte ma si tratta di nuove attività che possono contare sul via libera dato dal Tar Piemonte e dal Consiglio di Stato che hanno respinto finora tutti i ricorsi proposti contro le nuove sedi avanzate da alcuni titolari di farmacie già esistenti che chiedevano che i loro Comuni annullassero le sedi di nuova istituzione.

Finora sono 71 le nuove farmacie che hanno avuto il consenso ad aprire grazie a questo bando, ma la Regione Piemonte conta di arrivare almeno a 100. Dopo un primo “interpello”, ne è seguito un secondo che ha consentito l’apertura di 18 nuove realtà e il numero, dicono dalla Regione, è destinato ad aumentare in quanto sono stati espletato un terzo ed un quarto interpello arrivando a contare 364 candidature in graduatoria.

E altri sono in programma, grazie alla proroga della validità delle graduatorie regionali dei vari concorsi straordinari per sei anni.

Il bando originale prevede che l’apertura di farmacie aggiuntive avvenisse in particolari aree ad alta frequentazione come stazioni, aeroporti, grossi centri commerciali.

La precedenza per questi posti aggiuntivi è dei comuni per l’apertura di farmacie comunali e solo dopo vengono considerate le graduatorie dei privati.

In Piemonte finora, con il bando, sono state aperte solo 4 farmacie comunali a Fossano (stazione ferroviaria), Cuneo (centro commerciale e Movicentro) e Caselle (aeroporto Sandro Pertini).

Tags: farmacie,Regione Piemonte,asti,nuove aperture

Cronaca

Attualità

Salute e Green

Economia e lavoro

Eventi e Weekend

Sport

  • Addio a "Ughetto" Perosino

    21-11-2017
    Personaggio amato da tutti in città, sportivi e non, era un ex dipendente comunale, negli anni aveva svolto il ruolo di bagnino 
  • Crollo Nazionale i mali e la cura

    15-11-2017
    Ora che la batosta è arrivata chissà se avremo il coraggio di voltare pagina, lavorare su un'identità precisa rinunciando alle cariatidi...