Attualità
Asti

Asti, è morto l'arazziere Ugo Scassa

Stampa Home
Articolo pubblicato il 21/01/2017 alle ore 17:27.
Asti, morto l'arazziere Ugo Scassa 3
Asti, morto l'arazziere Ugo Scassa

E’ mancato ieri nella sua abitazione, all’età di 88 anni, Ugo Scassa, arazziere astigiano diventato celebre praticamente in tutto il mondo per la bellezza degli arazzi realizzati. Nella sua vita ne ha prodotti oltre 200, tra questi celebri gli arazzi realizzati per i grandi transatlantici Leonardo, Michelangelo e Raffaello. Proprio questi arazzi sono stati esposti a Roma, nella Galleria di arte moderna, dai primi di novembre sino ai primi di gennaio, a qualche giorno fa, riscuotendo un grosso successo di pubblico e di critica al punto che ora, proprio in quei locali, verrà allestita una mostra permanente dei suoi arazzi dedicati alle navi.

“Avrebbe voluto andare a Roma per vedere la mostra – ha raccontato la moglie Caterina – ma non è riuscito, da tempo era su una sedia a rotelle. Per questo era molto dispiaciuto”.

Questi stessi arazzi realizzati per i transatlantici, nel prossimo autunno, verranno esposti in una mostra a Trieste. Era un artista molto conosciuto e apprezzato soprattutto fuori città. Ad Asti ha realizzato una mostra permanente nella sua abitazione, una sorta di museo, che è stato visto da molti concittadini, che magari conoscevano poco le sue opere, ma che rimanevano estasiati di fronte alla loro bellezza non appena facevano ingresso nel museo privato. Molti artisti di fama internazionale gli consegnavano bozzetti o addirittura opere affinché li trasformasse in arazzi, cosa che gli riusciva perfettamente.

Un artista di valore che la città rimpiangerà. Da stabilire la data dei funerali.

Flavio Duretto

Tags: asti,lutto,Arazzeria Scassa,Ugo Scassa

Cronaca

Attualità

Salute e Green

Economia e lavoro

Eventi e Weekend

Sport

  • Addio a "Ughetto" Perosino

    21-11-2017
    Personaggio amato da tutti in città, sportivi e non, era un ex dipendente comunale, negli anni aveva svolto il ruolo di bagnino 
  • Crollo Nazionale i mali e la cura

    15-11-2017
    Ora che la batosta è arrivata chissà se avremo il coraggio di voltare pagina, lavorare su un'identità precisa rinunciando alle cariatidi...