Cronaca
Asti

Asti: la penitenziaria pronta a clamorose proteste

Stampa Home
Articolo pubblicato il 28/01/2017 alle ore 07:58.
Asti: la penitenziaria pronta a clamorose proteste 3
Asti: la penitenziaria pronta a clamorose proteste

Pronti a fare sit-in, ad andare a Roma a parlare direttamente con i vertici dell’amministrazione carceraria, a ripetere la clamorosa manifestazione di protesta di qualche anno fa con corteo dal carcere di Quarto alla Prefettura e se i sindacati nazionali di categoria non daranno il loro appoggio, sono pronti a ritirare tutte le tessere.

Non usano mezzi termini i rappresentanti sindacali degli agenti di polizia penitenziaria in servizio al carcere di Quarto nel denunciare una situazione ormai intollerabile per chi lavora a contatto con i detenuti astigiani.

La “madre di tutti i disagi” è quella di sempre: la carenza di organico. A fronte del passaggio di categoria della struttura di Asti da Casa Circondariale a Casa di Reclusione con la quasi totalità di detenuti condannati per gravissimi reati di stampo mafioso e con “fine pena mai”, il numero di agenti è rimasto invariato.

Non solo non è stato aggiornato il fabbisogno di pianta organica fermo al 2013 (prevedeva 217 unità) ma di queste ne sono presenti ed effettive solo 113.

Continua la lettura sul giornale in edicola, o acquista la tua copia digitale

Daniela Peira

Tags: Carcere Quarto d`Asti,Polizia penitenziaria,asti,prigione di quarto

Cronaca

Attualità

Salute e Green

Economia e lavoro

Eventi e Weekend

Sport