Cronaca
Asti

Detenuti lasciati nudi: per la Corte Europea è tortura

Stampa Home
Articolo pubblicato il 26/10/2017 alle ore 17:23.
Asti, detenuti lasciati nudi: per la Corte Europea è tortura 3
Reclusi portati in isolamento senza vestiti e senza coperte

La Corte Europea dei diritti umani ha condannato l’Italia per i fatti di Bolzaneto (Ge) e quelli di Asti.

I fatti di Asti risalgono al dicembre del 2004 quando due reclusi vennero portati in isolamento senza vestiti e senza coperte, con il cibo razionato.

Per giorni sono stati insultati e picchiati sino ad arrivare, ad uno di essi, a schiacciargli la testa con i piedi. Le guardie carcerarie indagate vennero rinviate a giudizio il 7 luglio 2011.

Il 30 gennaio dell’anno successivo si arrivò alla sentenza di primo grado e la Corte di Cassazione chiuse il caso il 27 luglio 2012. Nessuno dei responsabili venne condannato in quanto, non esistendo il reato di tortura, si procedette per reati più lievi.

Per due indagati intervenne la prescrizione, mentre per altri due l’assoluzione arrivò per motivi procedurali. Lo Stato propone un risarcimento di 45 mila euro per ciascun detenuto.

Tags: asti,Carcere,Guardie carcerarie,condanna,Corte Europea

Cronaca

  • Slot spente vicino a scuole e chiese

    22-11-2017
    Stando alla norma, non potranno essere operative le macchinette che rientrano in un raggio di 500 metri da un luogo “sensibile” (come scuole,...
  • Dopo 75 anni scopre il nome della madre

    22-11-2017
    Come per questa ricerca, partita solo qualche anno fa grazie all'entusiasmo e alla determinazione di Cristina, in cui ha fatto capolino una foto di classe,...

Attualità

Salute e Green

Economia e lavoro

Eventi e Weekend

Sport

  • Addio a "Ughetto" Perosino

    21-11-2017
    Personaggio amato da tutti in città, sportivi e non, era un ex dipendente comunale, negli anni aveva svolto il ruolo di bagnino 
  • Crollo Nazionale i mali e la cura

    15-11-2017
    Ora che la batosta è arrivata chissà se avremo il coraggio di voltare pagina, lavorare su un'identità precisa rinunciando alle cariatidi...