Salute e Green
Asti

Anche ad Asti la Giornata della Celiachia

Stampa Home
Articolo pubblicato il 16/05/2017 alle ore 13:33.
Anche ad Asti la Giornata della Celiachia 3
Anche ad Asti la Giornata della Celiachia (foto di repertorio)

Oggi, martedì 16, è la Giornata Mondiale della Celiachia cui è collegata la settimana nazionale, dal 13 al 21 maggio, promossa dall’Associazione Nazionale Celiachia (AIC) con il patrocinio dell’Associazione Nazionale Dietisti (ANDID). Appuntamenti informativi, lezioni didattiche, menù “gluten-free” nelle scuole e nei locali che aderiscono al circuito “no glutine” sono alcuni dei momenti organizzati dai volontari per informare i cittadini su cosa sia la celiachia, come venga diagnosticata e su come cambi la vita quando si scopre di esserne affetti. Si stima che in Italia l’1% della popolazione, 600 mila persone, sia composto da celiaci, ma ad oggi solo 190.000 casi sono stati diagnosticati. Il 70% dei malati non sa ancora di esserlo, ma potrebbe scoprirlo facendo un semplice test. «In effetti basta un esame del sangue mirato per scoprire se si è celiaci o no - spiega Fulvio Luberto, coordinatore provinciale AIC - E’ più facile accertare la malattia nei bambini piuttosto che negli adulti, ma sono tanti i sintomi collegati ad essa ed è per questo che solo un esame, prescritto dal medico di base, serve a ottenere una risposta».

Purtroppo, se per molti la dieta “gluten-free” è un obbligo dettato dalla malattia, per 6 milioni di italiani si tratta di una moda con la speranza di rimanere in forma, superare la prova costume al mare e altre chimere di bellezza. A denunciare la presenza, in Italia come nel mondo, di così tanti celiaci per moda, che sprecano ogni anni 105 milioni di euro in prodotti di cui non avrebbero bisogno, è proprio l’AIC. «Si tratta di un mercato in ascesa con crescita di fatturato e proseliti spinti dalle celebrità accomunate dal pallino del gluten-free - commentano dal sodalizio - In Italia ogni anno si spendono 320 milioni di euro per prodotti senza glutine, ma di questi solo 215 derivano dagli alimenti erogati per la terapia dei pazienti celiaci. Il 10% dei cittadini europei segue una dieta totalmente, parzialmente o occasionalmente gluten-free senza averne bisogno». Una moda inutile perché uno studio che ha monitorato oltre 110.000 uomini e donne per 26 anni ha evidenziato che nei non celiaci «l’esclusione del glutine non riduce il rischio cardiovascolare, anzi crea effetti negativi proprio su di esso».

Continua la lettura sul giornale in edicola, o acquista la tua copia digitale

Riccardo Santagati

Tags: scuole,AIC,casa della salute di villafranca,asti,Giornata Mondiale della Celiachia

Cronaca

Attualità

Salute e Green

Economia e lavoro

Eventi e Weekend

Sport

  • Addio a "Ughetto" Perosino

    21-11-2017
    Personaggio amato da tutti in città, sportivi e non, era un ex dipendente comunale, negli anni aveva svolto il ruolo di bagnino 
  • Crollo Nazionale i mali e la cura

    15-11-2017
    Ora che la batosta è arrivata chissà se avremo il coraggio di voltare pagina, lavorare su un'identità precisa rinunciando alle cariatidi...