Cultura e Spettacoli
Asti

A Passepartout ci si confronterà con l'anno 1936

Il festival si svolgerà dal 4 al 12 giugno, tra gli ospiti anche nomi di punta del giornalismo italiano come Maurizio Molinari e Ferruccio De Bortoli

Stampa Home
Articolo pubblicato il 19/04/2016 alle ore 06:20.
Maurizio Molinari e Ferruccio De Bortoli
Maurizio Molinari e Ferruccio De Bortoli

Uno specchio datato 1936. E’ quello in cui il 2016 cercherà riflessi e analogie per tentare di capirsi un po’ di più. Il Festival Passepartout, per la sua tredicesima edizione, ha scelto di confrontarsi con un anno denso di accadimenti. E’ l’anno della guerra di Spagna, del Fronte Popolare a Parigi, del sogno imperiale fascista e dell’esasperata propaganda politica. Ma è anche l’anno in cui Jesse Owens vince l’oro nei 100 metri alle olimpiadi di Berlino che dovevano essere la grande celebrazione del regime nazista. Si affronteranno questi e altri temi nel tentativo di riflettere sui rapporti tra informazione e potere, tra mezzi di comunicazione e acquisizione del consenso, a partire da guerre apparentemente lontane per arrivare ai conflitti che assillano il nostro presente. Dal 4 al 12 giugno, il pubblico verrà accompagnato nell’approfondimento da nomi di punta del giornalismo italiano, come Maurizio Molinari, Paolo Flores D’Arcais, Ferruccio De Bortoli, Bernardo Valli, Angelo Del Boca, Stefano Bartezzaghi, Sergio Romano...

Leggi l’articolo completo su La Nuova Provincia in edicola oggi o clicca qui per l’edizione digitale del giornale

Cronaca

Attualità

Salute e Green

Economia e lavoro

Eventi e Weekend

Sport