Attualità
Asti

Verso l’abbandono della fiera del tartufo

Stampa Home
Articolo pubblicato il 05/12/2017 alle ore 07:55.
Verso l’abbandono della fiera del tartufo 3

Giorni di decisioni importanti per il futuro della Fiera del Tartufo di Asti. La scorsa settimana, a pochi giorni dal termine dell’edizione 2017 che ha ricevuto molte critiche e pochi elogi, il sindaco Rasero insieme agli assessori Pietragalla e Bologna, ha riunito organizzatori, associazioni di categoria, istituzioni per ragionare insieme su cosa farne di questa manifestazione.

Rasero non ha mai nascosto il suo pensiero sulla fiera del tartufo: «Così come viene intesa da troppi anni, ormai, non ha più alcun senso. Se decidiamo che è importante, allora ci lavoriamo sopra un anno intero, affidiamo l’organizzazione ad esperti e troviamo adeguate risorse e fondi, altrimenti meglio smettere di inseguire altri eventi ben più conosciuti e importanti come la Fiera di Alba che, obiettivamente, è talmente avanti rispetto a noi che è impensabile eguagliarla. E poi - prosegue sempre Rasero - abbiamo già in provincia due importanti fiere: quelle nazionali di Montechiaro e Moncalvo. Piuttosto possiamo pensare di sostenerle e di creare con questi due comuni dei pacchetti turistici da condividere».

L’idea che sembra farsi strada, dunque, è quella di realizzare una serie di eventi, nelle domeniche di ottobre e novembre, che però non abbiano per protagonista il tartufo ma, ad esempio, il vino.

Su queste proposte sono stati chiamati a ragionare tutti i partecipanti alla riunione che si ritroveranno a breve per tirare le fila delle idee sul piatto.

Daniela Peira

Tags: asti,fiera del tartufo

Cronaca

Attualità

Salute e Green

Economia e lavoro

Eventi e Weekend

Sport