Cronaca
Asti

Un carico di quaderni per gli studenti di Amatrice

Stampa Home
Articolo pubblicato il 26/10/2016 alle ore 09:19.
Un carico di quaderni per gli studenti di Amatrice 3
Un carico di quaderni per gli studenti di Amatrice

600 quadernoni, 3 chili di matite, 4,3 chili di biro, 8,7 chili di colori, 40 album da disegno e oltre 27 chili tra gomme, colla, temperini: sono i numeri della generosità degli studenti astigiani, primi fra tutti quelli della scuola media Martiri verso i loro compagni colpiti dal terremoto del Centro Italia.

L’idea è stata lanciata da Beppe Gianuzzi, insegnante di religione che è riuscito a coinvolgere anche altri colleghi e le famiglie dei ragazzi. Tutti pronti a raccogliere materiale scolastico da inviare ad Amatrice e paesi limitrofi per realizzare una “scorta” per i ragazzi che, pur tra mille difficoltà e paure, sono tornati tra i banchi di scuola.

E la risposta è stata importante, soprattutto perchè era stato promesso che la consegna sarebbe avvenuta di persona, senza intermediazioni di nessun genere.

E qualche giorno fa il prezioso carico didattico è partito alla volta di Amatrice dove ad aiutare nelle operazioni di “sbarco” degli scatoloni c’erano tre volontari alpini che hanno ammassato il materiale per la scuola.

d.p.

Tags: asti,amatrice,terremoto centro italia,solidarieta`,media martiri

Cronaca

  • Slot spente vicino a scuole e chiese

    22-11-2017
    Stando alla norma, non potranno essere operative le macchinette che rientrano in un raggio di 500 metri da un luogo “sensibile” (come scuole,...
  • Dopo 75 anni scopre il nome della madre

    22-11-2017
    Come per questa ricerca, partita solo qualche anno fa grazie all'entusiasmo e alla determinazione di Cristina, in cui ha fatto capolino una foto di classe,...

Attualità

Salute e Green

Economia e lavoro

Eventi e Weekend

Sport

  • Addio a "Ughetto" Perosino

    21-11-2017
    Personaggio amato da tutti in città, sportivi e non, era un ex dipendente comunale, negli anni aveva svolto il ruolo di bagnino 
  • Crollo Nazionale i mali e la cura

    15-11-2017
    Ora che la batosta è arrivata chissà se avremo il coraggio di voltare pagina, lavorare su un'identità precisa rinunciando alle cariatidi...