Sport
Asti

Rally del Tartufo, trionfano Bianchi-Grimaldi

Al termine di un avvicntente duello coi francesi Benjamin Perrin e Gregory Deloche

Stampa Home
Articolo pubblicato il 05/04/2016 alle ore 11:56.
Rally del Tartufo, trionfano Bianchi-Grimaldi 2
Rally del Tartufo, trionfano Bianchi-Grimaldi 2

In testa dalla prima speciale ma successo deciso solo dopo l’ultima quello firmato da Fabrizio Bianchi e Fabio Grimaldi (Mitsubishi Lancer Evo IX N4) al 28° Rally del Tartufo. La gara vissuta domenica nell’Astigiano, prima prova del Trofeo Alpi Occidentali, è stata un avvincente duello a due coi francesi Benjamin Perrin e Gregory Deloche (Ford Fiesta R5).

Il pilota e preparatore di Trofarello, per la prima volta in gara col navigatore di Canelli, ha firmato sette dei nove tratti cronometrati lasciandone due ai transalpini, comunque sempre in grado di mettere apprensione fino all’ultimo chilometro. Alla fine i portacolori della Turismotor’s Eurospeed hanno chiuso con 4”9 di vantaggio. Prima assoluta in carriera per Grimaldi e quarta per Bianchi. Ai vincitori oltre al Trofeo BimAuto è andato il 3° Trofeo Sergio Braghero per i miglior tempi sulla prima prova speciale, quella di Portacomaro terra dello sfortunato meccanico astigiano.

Terzo assoluto l’enologo Massimo Marasso di Neive, con Marco Canuto alle note, sempre nei posti alti della classifica nell’apprendistato sulla Fiesta R5 by BaqlBosca. Alla fine con un distacco di 1’00”7 ma primi nel neonato Trofeo Alpi Occidentali. Podio di classe nonché sesti assoluti per il duo astigiano formato da Loris Ronzato e Gabriele Nebiolo (Peugeot 207 S2000), con alle spalle Alessandro Bramafarina e Max Barrera (Grande Punto Abarth). Undicesimi e senza rivali nella classe Sergio Venturello e Tiziana Desole (Renault Clio R3C). Quarta posizione di classe per la Peugeot 106 della Nuova Rettifica Moderna di Ompeo-Penna.

Il Trofeo Carlo Giaccone è stato vinto dall’astigiano Alessandro Ferro col sandamianese Mauro Carlevero (106), autori del miglior tempo sull’ottava piesse di Celle Enomondo nella classe A5 che hanno poi conquistato. Fra i due equipaggi storici argento alla Opel Kadett GTe degli astigiani Flavio Aivano ed Alessandro Musso. Dei 71 equipaggi al via in 51 hanno regolarmente raggiunto il traguardo di piazza San Secondo. Nulla da fare per il campione Luca Cantamessa ritiratosi dopo un solo chilometri per un problema al motore della Lancer R4.

Maurizio Sala

Cronaca

Attualità

Salute e Green

Economia e lavoro

Eventi e Weekend

Sport