Social Paper
Asti

Quattro domande a Don Mauro Canta

Stampa Home
Articolo pubblicato il 05/02/2015 alle ore 16:26.
quattro-domande-a-don-mauro-canta-56e69733b0fc52.jpg
Don Mauro Canta, parroco di San Pietro
La nostra intervista a Don Mauro Canta, il giovane parroco di San Pietro vicino ai ragazzi.

A che età e in che modo hai capito quale sarebbe stata la tua vocazione? E come ha reagito la tua famiglia?
Penso di averlo capito al termine degli anni del seminario, ma ho compreso il vero significato solo il giorno prima dell’ordinazione che è stata l’undici giugno del 2011 e avevo ventiquattro anni. Lo capisci poco per volta con l’aiuto dei superiori. Io sono figlio unico, la mia famiglia ha reagito in un primo momento con molto stupore e con un po’ di paura, ma poi coinvolgendoli e vedendo che io ero felice erano contenti anche loro. Inizialmente avevano paura di perdermi però non mi hanno perso anche perché io sono di San Damiano quindi sono molto vicino a loro e di recente abbiamo vissuto un’esperienza in famiglia che ci ha uniti molto in quanto ci siamo recati in Terra Santa.

Chi ti ha aiutato a prendere la decisione di intraprendere questo cammino?
Sicuramente una persona fondamentale è stata il mio parroco Don Antonio, che ancora adesso è a San Damiano, il quale mi ha sempre accompagnato in questo cammino, ma non solo, mi sono stati molto vicini anche i miei familiari e il parroco di San Pietro che mi ha accolto quando sono arrivato in questa parrocchia.

Considerando l’oratorio come una grande famiglia, ti riconosci nel ruolo di pater familias o di fratello maggiore?
Forse per l’età che ho è più facile trovarsi un po’ come fratello maggiore, è vero che uno può trovarsi padre come accompagnatore spirituale allora può essere, però mi sento molto fratello perché ho ancora ventotto anni e sotto di me ci sono bimbi e ragazzi invece con gli adulti talvolta mi sento inadeguato per la differenza di età, ma cerco di accompagnarli con la preghiera e la meditazione.

Descrivi con tre aggettivi l’oratorio di San Pietro.
Direi interessante, perché stimola nel ricercare nuove iniziative; aperto, perché è rivolto a tutti coloro che vengono per la prima volta o coloro che si sono allontanati e direi anche bello forse è un aggettivo utilizzato troppo spesso, ma è bello perché indica qualcosa di buono e dove si sta bene.

Anna Marra

Cronaca

Attualità

Salute e Green

Economia e lavoro

Eventi e Weekend

Sport