Editoriali e corsivi
Asti

Oasi: scontiamo le non scelte del passato

Stampa Home
Articolo pubblicato il 06/08/2017 alle ore 07:55.
Oasi: scontiamo le non scelte del passato 3

“Di fronte a due scelte altrettanto difficili, la maggior parte delle persone sceglie la terza scelta: non scegliere affatto”. Se c’è qualcosa che dovremmo imparare dal pasticciaccio del progetto Nova Coop all’Oasi è che le “non scelte” si pagano a caro prezzo, ma più ancora che, sovente, a pagare dell’immobilismo passato sono gli ultimi arrivati con tanti oneri e pochi onori.

Se è vero, e non c’è motivo di dubitarne, che già 3 anni fa si sarebbe potuto porre un vincolo a tutela dell’Oasi, come emerso durante il Consiglio, e invece non lo si è fatto aprendo, come noto, l’ennesima emergenza cittadina, c’è da chiedersi quante volte la non decisione abbia influito negativamente su una città già molto restia ad ogni tipo di cambiamento.

Dalla tangenziale all’isola pedonale, dall’Agrivillage alla riqualificazione dei mercati, dalle manifestazioni ai piani strategici, sono trascorsi anni decidendo di non decidere nulla, lasciando che fossero gli eventi a governare la città e non il contrario, forse convinti che non fare nulla fosse meglio che sbagliare facendo, magari correndo il rischio di scontentare qualcuno. Ecco, il primo problema di Asti è stato, almeno fino ad oggi, temere di dire no per non scontentare i sì e di dire sì per non fare torto ai no.

Da qui il caos che ne è scaturito: abbiamo aspirazioni di diventare una città turistica con un traffico e uno smog da fare concorrenza a Pechino; vogliamo essere Unesco, ma anche crossisti nei boschi; ci sta stretta la grande distribuzione, ma se porta indotto è ben accetta; la tangenziale ci piaceva a quattro corsie, poi a due, poi nessuna, ora chissà, per tacere del nuovo palazzetto, della nuova fiera di maggio, del nuovo format del Palio, dell’ex Enofila, etc., tutti progetti rimasti fermi, anni e anni, attendendo decisioni, anche impopolari, che nessuno voleva o sapeva prendere.

L’Oasi non è il problema di Asti: è Asti il problema di Asti.

Riccardo Santagati

Tags: asti,corsivo,consiglio comunale,Nova Coop,Oasi,oasi dell`immacolata

Cronaca

  • Slot spente vicino a scuole e chiese

    22-11-2017
    Stando alla norma, non potranno essere operative le macchinette che rientrano in un raggio di 500 metri da un luogo “sensibile” (come scuole,...
  • Dopo 75 anni scopre il nome della madre

    22-11-2017
    Come per questa ricerca, partita solo qualche anno fa grazie all'entusiasmo e alla determinazione di Cristina, in cui ha fatto capolino una foto di classe,...

Attualità

Salute e Green

Economia e lavoro

Eventi e Weekend

Sport

  • Addio a "Ughetto" Perosino

    21-11-2017
    Personaggio amato da tutti in città, sportivi e non, era un ex dipendente comunale, negli anni aveva svolto il ruolo di bagnino 
  • Crollo Nazionale i mali e la cura

    15-11-2017
    Ora che la batosta è arrivata chissà se avremo il coraggio di voltare pagina, lavorare su un'identità precisa rinunciando alle cariatidi...