Sport

Marco Perrone alla Cesarini
L'Asti Calcio vince di misura

Stampa Home
Articolo pubblicato il 14/02/2016 alle ore 18:20.
marco-perrone-alla-cesarinibrl39asti-calcio-vince-di-misura-56e6c3d321a352.jpg
Marco Perrone, match winner
L'Asti in piena zona Cesarini piazza un colpo prezioso tra le mura amiche del "Bosia" e avvicina le zone alte del girone D di Promozione. I galletti battono 2-1 gli alessandrini in un match col sapore di derby, visto che ad allenare gli ospiti è l’astigiano doc Alessandro Pontarolo. Per i biancorossi evidenti i problemi di formazione (che perdureranno anche il prossimo weekend), viste le squalifiche di Marc Lewandowski e Gianluca Carfora. Mister Pasquali basa la squadra su un inedito 4-4-2, in cui a Lollo Rossi vengono date maggiori responsabilità a livello di costruzione di gioco per ovviare all’assenza del faro di centrocampo Lewandowski. E’ proprio da un lancio di Rossi che, al 45’ della prima frazione, Perrone trova il modo di presentarsi davanti al portiere avversario e insaccare la rete dell’1-0. Il San Giuliano è affamato di punti salvezza e, dopo un inizio di stagione sorprendente, ultimamente sta faticando a reggere il ritmo degli avversari: con determinazione gli ospiti trovano al 7’ della ripresa il pareggio, grazie al numero 10 Pasino. Match equilibrato e avaro di spunti, le due squadre sostanzialmente si equivalgono: serve il guizzo di un fuoriclasse per la categoria. Ed è proprio il migliore in campo, Marco Perrone, abituato a ben altri palcoscenici, a realizzare al 3’ di recupero il gol vittoria, su assist di Rolfo, ex attaccante del Cbs. Game over, l’Asti è ora a tre lunghezze dai cugini del Colline Alfieri.
Le altre: mentre rinvia il proprio match il Canelli, sconfitta interna che fa male per il Colline Alfieri contro il lanciatissimo CBS, mentre la Santostefanese ringrazia Pollina e vince ancora.
In Eccellenza, trasferta amara per il San Domenico, che cade a Corneliano dopo novanta minuti avari di occasioni gol. I gialloverdi pagano a caro prezzo il sigillo dell’ex Colline Lele Balsamo al quarto d’ora, nella ripresa i padroni di casa restano in dieci ma il gol del pareggio ospite non arriva. In cronaca, mister Raimondi deve fare a meno degli squalificati La Carìa e De Souza e dell’infortunato Bassaoulè, tra i cuneesi la defezione dell’ultim’ora è quella del febbricitante bomber Cirillo. Dopo un tentativo su punizione di Sciani, al 15’ passa il Corneliano: Balsamo va a contatto in area con Rea che cade a terra, la difesa si attende un fischio favorevole, invece l’arbitro lascia correre e la punta mancina batte all’angolo basso Corradino. Il Sando cerca di reagire, ma le occasioni latitano. Nella ripresa i padroni di casa restano in 10 per il rosso comminato a Ballan per fallo da tergo su Busco. Le occasioni lazzarine tuttavia si limitano a un paio di battute dalla distanza e ad alcune mischie in area. Game over.

Cronaca

Attualità

Salute e Green

Economia e lavoro

Eventi e Weekend

Sport