Salute e Green
Asti

La testimonianza di un'astigiana:
"Fumavo moltissimo, la mia vita è cambiata"

Stampa Home
Articolo pubblicato il 31/01/2013 alle ore 07:00.
La testimonianza di un&#39;astigiana:<br/>&quot;Fumavo moltissimo, la mia vita è cambiata&quot;
“Ero una fumatrice incallita e, da quando ho provato l’e-cig, posso affermare che la mia vita è decisamente migliorata. Prima il consumo eccessivo di sigarette mi causava problemi respiratori e, talvolta, tachicardia. Svaporando, invece, spendo molto meno e in più essendoci solo nicotina e non tutte quelle sostanze nocive della sigaretta tradizionale sperimento sulla mia pelle i benefici del fumo liquido”. A parlare è Sabina Palmiotto, commerciante astigiana, “folgorata” dalla passione per la sigaretta elettronica tanto da aprire, nello scorso mese di maggio, “Smooke” in corso Dante, all’altezza di piazza Vittorio Veneto. Il negozio fa capo all’omonima catena torinese leader del settore con 300 punti vendita sparsi su tutto il territorio nazionale.

La “Smooke” impiega nel nostro Paese più di 600 dipendenti per un volume d’affari da 7 milioni di euro. Numeri davvero rilevanti e ancor più significativi perché trattasi di un’azienda nostrana che investe risorse e crea occupazione in Italia. “Il cliente tipo - ci spiega la signora Sabina - è il grande fumatore che mira a smettere di fumare o quantomeno vuole avere un’alternativa rispetto alle sigarette tradizionali. Un kit completo costa dai quaranta euro in su. Poi ci sono in commercio un’infinità di liquidi base che permettono di personalizzare questo tipo di fumata con vari aromi che emanano un odore gradevole, da quelli classici e quelli più esotici. La convenienza a livello economico è evidente perché un fumatore incallito spende cinque euro per un pacchetto di sigarette al giorno mentre con quelle elettroniche spende la stessa cifra ma in una settimana”.

Moltissimi sono poi gli accessori in vendita per personalizzare ulteriormente la propria sigaretta elettronica: dai laccetti da appendere al collo per averla sempre a portata di bocca alle custodie multicolori. La batteria delle e-cigarettes si può ricaricare sia collegandola al computer per mezzo di una porta Usb sia, più tradizionalmente, con un adattatore collegato alla presa a muro.

Cronaca

Attualità

Salute e Green

Economia e lavoro

Eventi e Weekend

Sport