Salute e Green
Asti

«La soddisfazione sessuale? Inizia dalla mente»

Stampa Home
Articolo pubblicato il 06/10/2015 alle ore 14:00.
la-soddisfazione-sessuale-inizia-dalla-mente-56e6a8465be792.jpg
Da sinistra la dott.ssa Chiara Cattaneo, la dott.ssa Paola Scalco e il dott. Ernesto Viarengo
A conclusione di una settimana dedicata al benessere sessuale organizzata dalla FISS (Federazione Italiana di Sessuologia Scientifica) si è svolta nell'aula magna dell'Università di Asti una conferenza sul tema "Costruire il benessere sessuale", di cui sono stati relatori la dott.ssa Paola Scalco (psicologa psicoterapeuta specializzata in Psicoterapia Cognitiva e Sessuologia Clinica), la dott.ssa Chiara Cattaneo (ostetrica e consulente in sessuologia) e il dott. Viarengo (medico chirurgo e psichiatra). La conferenza è stata la conclusione di una settimana in cui sono state offerte gratuitamente consulenze finalizzate alla realizzazione del benessere sessuale, un tema di cui si parla sovente in modo poco corretto, fra informazioni da bar e presunta scientificità fondata sui siti internet. La sessualità riguarda tutti e tocca gli aspetti più intimi della persona, coinvolgendo pulsioni ed emozioni che devono relazionarsi correttamente con il partner allo scopo di vivere unioni di coppia appaganti e non frustranti.

"Sovente sono più i dolori che le gioie -– ha esordito la dott.ssa Scalco -– specialmente quando l'esperienza sessuale viene ridotta agli aspetti genitali e riproduttivi. La sessualità è una componente fondamentale della persona, un modo di essere, di comunicare e di vivere l'amore che coinvolge l'intera personalità. La sessualità umana è però assai fragile e comporta molti rischi di infelicità, tanto che il 40% delle esperienze sessuali non sono considerate soddisfacenti da chi le vive. In una relazione di coppia devono essere presenti passione (relazione di pancia), intimità (relazione di cuore) e progettualità (relazione di testa). Le cause che minano la salute sessuale, di uomini e donne, sono molte: i disturbi del desiderio, dell'eccitazione, dell'orgasmo e i disturbi dovuti a dolori. Il desiderio è uno stato complesso, condizionato da fattori quali le sensazioni, le emozioni e i pensieri, che si presentano tutti insieme."

Ci sono poi i disturbi dell'eccitazione femminile e dell'erezione maschile, entrambi fattori di ostacolo ad una vita sessuale serena: "se ognuno dei due presta attenzione a sé e all'altro e si cerca insieme il piacere tutto funziona – ha spiegato la dott.sa Scalco – se invece si cerca di far funzionare l'eccitazione si rompe il momento magico e si entra nel circolo vizioso dell'ansia da prestazione, della paura di perdere il controllo, ecc.; insomma, se cerco di funzionare, smetto di funzionare. Ci sono poi disturbi come la dispareunia e il vaginismo, cause di dolore che condizionano fortemente il rapporto fisico, che deve essere solo un'esperienza che prevede piacere, che cerca il piacere e prevede che il piacere sia condiviso con il partner. Ovviamente possono esserci momenti di dispiacere, che devono essere visti come un incidente da affrontare e non come una parte costituente del rapporto sessuale: lo star male facendo l'amore segnala che qualcosa non funziona, dentro di sé o nel partner. Uno degli scopi della Sessuologia Clinica è quello di cercare di restituire una qualità di vita migliore alle persone che soffrono di qualche disfunzione sessuale." Per una bronchite o per un'influenza si ricorre subito al medico, mentre così non accade per i problemi di coppia, che sovente vengono considerati come una delle difficoltà del vivere insieme: come mai questa ritrosia a trattare di problemi sessuali con uno specialista, a cui invece si ricorrerebbe per un altro genere di problema?

"Perché molti pensano che non ci sia una soluzione a questi problemi – risponde Paola Scalco - perciò si rassegnano ad una vita sessuale compromessa; ci sono poi il pudore di parlare di argomenti così intimi con un estraneo e il timore di un inevitabile trattamento farmacologico, che magari si ritiene anche potenzialmente pericoloso. La finalità di una consulenza sessuologica è quella di accogliere la domanda riferibile ai problemi sessuali dell'individuo e/o della coppia e stabilire una relazione d'aiuto che consenta alla persona o alla coppia di assumere scelte consapevoli." Uomini e donne sono ugualmente coinvolti in questo genere di problematiche; alla conferenza dedicata al benessere sessuale seguirà un secondo incontro che avrà per tema "Andropausa: la vita segreta degli uomini", e che si terrà venerdì 23 ottobre, dalle 15.30 alle 17.30, sempre negli spazi dell'Università di Asti, in piazza De Andrè. Relatori saranno il dott. Gino Montalcini, andrologo e specialista in urologia e nefrologia medica e la dott.ssa Paola Scalco.

Renato Romagnoli

Cronaca

Attualità

Salute e Green

Economia e lavoro

Eventi e Weekend

Sport